Sui social qualcuno ha postato una 'fakenews' che sta creando rabbia e indignazione. Individui senza scrupoli hanno pubblicato una lettera su Facebook, attribuendone la paternità a un uomo che avrebbe perso la figlia nella tragedia del crollo del ponte Morandi. La ragazza in questione è Marta Danisi; la giovane purtroppo ha perso veramente la vita nella tragedia che ha colpito il nostro Paese qualche giorno fa.

Pubblicità
Pubblicità

Marta aveva ventinove anni ed era originaria di Sant'Agata di Militello. Stava percorrendo il viadotto sul fiume Polcevera quando questo è crollato uccidendo lei e il suo fidanzato. Il post fasullo è stato creato da qualcuno con la precisa intenzione d'ottenere visualizzazioni. Nell'epoca dei social è sempre più frequente incappare in 'bufale mediatiche' ma questa colpisce particolarmente, poiché dimostra una totale mancanza di rispetto anche nei confronti dei morti.

Pubblicità

La lettera falsa è colma di frasi commoventi per coinvolgere il lettore e tra le righe molti sono i messaggi di condanna verso i politici. La lettera però non è stata scritta da un genitore annebbiato dal dolore della perdita di sua figlia, e soprattutto non è possibile che sia stata condivisa dal padre della giovane vittima del crollo. Il padre di Marta Dalisi è mancato all'età di quarantuno anni in seguito a una grave malattia, e per questo le parole commoventi non sono che 'sciacallaggio mediatico' con l'obiettivo di ottenere click.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

Il 'fasullo padre' incolpa nel post la corruzione dei politici, la scarsa manutenzione delle infrastrutture e le discussioni senza importanza mentre l'Italia sta crollando a pezzi.

Chi era Marta Dalisi una vittima del crollo del ponte Morandi

Marta Dalisi era un'infermiera di ventinove anni, orfana di padre. La giovane donna percorreva il viadotto sul torrente Polcevera in compagnia del suo fidanzato Alberto Fanfani di trentadue anni, che aveva conosciuto in ospedale a Cisanello dove lui lavorava come anestesista specializzando.

Lei aveva prestato servizio nell'unità sanitaria di Pisa dal 2014 al 2017 prima di essere trasferita ad Alessandria. L'azienda ospedaliera universitaria e sanitaria pisana ha espresso cordoglio per la morte del giovane medico che frequentava il quinto anno della 'Scuola di specializzazione in Medicina interna' e parole di commozione e affetto per Marta e per la sua famiglia colpita da un lutto così grave.

Pubblicità

I due giovani avrebbero dovuto sposarsi nel 2019.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto