Nella notte appena trascorsa, alle pendici del monte Gurja in Nepal, un gruppo di almeno nove alpinisti è stato vittima della forza della natura. Il campo base è infatti stato travolto da un valanga causata da una brutta tempesta di neve, causando la morte degli escursionisti. Il numero - ancora solo stimato - è di nove morti, data l'impossibilità di continuare le ricerche.

Il gruppo di alpinisti si era appostato nel campo base, proprio in attesa che il tempo atmosferico migliorasse e per non proseguire la spedizione in balia della tempesta. La valanga ha completamente travolto il campo base, distruggendo tutto e travolgendo le vittime, lasciando solo un grosso strato di ghiaccio.

Pubblicità
Pubblicità

Tempesta di neve e valanga sul monte Gurja, morto Kim Chang-ho l'alpinista dei record

Purtroppo nel campo base a 3500 metri d'altezza è impossibile proseguire nella ricerca di eventuali corpi o sopravvissuti, a causa dello strato di ghiaccio formatosi dopo la tempesta e conseguente valanga. Impossibile anche recuperare i corpi delle nove vittime per ora, ma i soccorsi del luogo sperano che la situazione possa migliorare, così permettere agli elicotteri di avere la visibilità necessaria per poter tornare sul luogo e continuare le ricerche.

Pubblicità

L'allarme è stato dato proprio dall'organizzatore del Trekking Camp Nepal, dopo 24 ore senza alcuna notizia da parte della squadra del Koreanway Gurja Himal Expedition 2018, mandando così i soccorsi e aiuti dal villaggio, 216 Km a nord-est dalla capitale Katmandu.

La notizia viene data dal direttore del Trekking Camp Nepal Wangchu Sherpa alla stampa locale, insieme alla provenienza delle vittime, quattro nepalesi e cinque sudcoreani. Tra i cinque vi era presente anche Kim Chang-ho, alpinista da record famoso per essere stato il primo sudcoreano ad aver "sconfitto" i 14 ottomila, ovvero le 14 montagne più alte di 8000 metri senza l'aiuto di bombole d'ossigeno.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Ambiente

L'impresa è ha impiegato ben 7 anni, 10 mesi e 6 giorni, facendo così di lui anche il più veloce della storia nel completare questa titanica impresa, battendo il precedente record detenuto dal polacco Jerzy Kukuczka, che aveva impiegato 7 anni, 11 mesi e 14 giorni.

Proprio Chang-ho era infatti il team leader del Koreanway Gurja Himal Expedition 2018, mentre il resto del gruppo è stato poi identificato nei sudcoreani Lee Jaehun, Rim Il-jin, Yoo Youngjik e Jeong Joon-mo ed i nepalesi Chhiring Bhote, Lakpa Sangbu Bhote, Natra Bahadur e Phurbu Bhote.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto