A pochi anni di distanza dal Terremoto che aveva colpito l’Emilia e in particolare Bologna, ecco che la terra rincomincia a tremare.

Risale alle 13,48 la scossa di terremoto di magnitudo 4.2 che ha fatto letteralmente tremare per la paura il Riminese. Secondo le registrazioni avute dall’Ingv, l’epicentro si troverebbe a 43km di profondità e individuato nella cittadina di Santarcangelo di Romagna in provincia di Rimini; la zona era già stata contrassegnata come area ad alta pericolosità sismica dopo il sisma del 26 marzo 1911 di magnitudo 5.

Per il momento non sembrano esserci feriti o danni, sono solo moltissime le telefonate ai vigili del fuoco, che in queste ore si trovano a controllare gli edifici più colpiti insieme alla protezione civile.

La stessa Alice Parma, sindaco del nucleo cittadino maggiormente colpito, dichiara di essere già partiti con le verifiche alle abitazioni e ai diversi edifici della zona e che, per il momento, i danni non sembrano evidenti. Dalle ultime notizie, sembrerebbe che le scosse siano state avvertite non solo nel Riminese ma anche nelle Marche, tra Pesaro e Urbino, Fano e Senigallia.

Le conseguenze della scossa

In seguito alla scossa di oggi pomeriggio i treni sono stati sospesi e rimarranno fermi per precauzione anche durante tutta la notte.

Le linee più colpite sono state quelle tra Rimini e Cesenatico, Rimini – Ravenna, Cesena – Riccione e Bologna – Ancona; esse necessitano di verifiche approfondite da parte della Rete Ferroviaria Italiana. Per quanto riguarda le linee non citate, esse sono ripartite verso le 16,30 ma con forti rallentamenti sempre a causa delle verifiche da parte dell’ente ferroviario.

Una terra che si continua a muovere

Sempre secondo l’Ingv, nella giornata di oggi la nostra penisola sarebbe stata colpita da ben tre terremoti abbastanza percettibili: il primo, come abbiamo visto, ha avuto epicentro nella zona di Rimini, il secondo nella Costa Siracusana alle 8,36 e di magnitudo 2.0, mentre il terzo di magnitudo 2.5 sarebbe avvenuto alle 4,45 nel Mar Ionio Meridionale.

Tra i terremoti più forti della nostra penisola però ricordiamo il 26 settembre 1997 nell’Appennino umbro-marchigiano che causò il crollo della volta della Basilica di San Francesco; il 6 aprile 2009 a L’Aquila dove persero la vita 309 italiani e dove in 80.000 rimasero senza casa; il 20 maggio 2012 sempre in Emilia dove una scossa di magnitudo 6.1 causò gravissimi danni agli edifici e uccise tantissime persone.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera Terremoto

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto