Una vicenda tanto grave quanto inconsueta [VIDEO]si è verificata negli Stati Uniti d'America, precisamente a Montrose, capoluogo dello Stato del Colorado, dove un uomo, James Salaz, è stato vittima di un incredibile caso di malasanità. Per ben cinque anni, infatti, secondo quanto riferisce il quotidiano Il Mattino, l'uomo si è sottoposto alle cure del caso per una rara forma di cancro. Cicli di chemioterapia infiniti che lo hanno debilitato per nulla, in quanto il soggetto in questione non ha mai avuto un tumore, ma era affetto, e lo è tuttora, da un'altra patologia che per tutti quegli anni ha trascurato a sua insaputa.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Cronaca Nera

Nel 2012, infatti, dopo vari controlli effettuati, gli erano state riscontrate alcune anomalie al polmone, era stato sottoposto ad una biopsia e successivamente gli era stato diagnosticato un cancro.

Pensava di avere un cancro: si sottopone a chemioterapia, ma poi scopre di avere un'altra malattia

Da quel momento in poi, com'è normale che sia, la vita di James Salaz è stata completamente stravolta e da lì per l'uomo è iniziato un vero e proprio calvario tra la paura della morte e le cure alle quali veniva continuamente sottoposto per curare il cancro di cui soffriva [VIDEO].

Per anni, quindi, si era sottoposto a chemioterapia, ma siccome il suo livello di globuli bianchi non diminuiva, aveva deciso di rivolgersi ad un altro medico per avere un nuovo parere competente. Certamente, però, l'uomo non poteva mai aspettarsi una notizia di questo genere: James non aveva mai avuto un cancro e l'elevato numero di globuli bianchi era causato da un'altra malattia di cui fino a quel momento tutti avevano ignorato l'esistenza.

Si tratta di un'infiammazione dei vasi sanguigni, la vasculite, un problema fortunatamente molto meno grave rispetto al cancro che gli era stato diagnosticato. Una malattia per la quale chiaramente non era necessario essere sottoposto a cicli di chemioterapia molto forti, che gli hanno causato una pancreatite oramai cronicizzata, e che negli anni lo avevano inevitabilmente debilitato.

Convinto che la sua malattia non stesse per nulla regredendo, infatti, l'uomo si era sottoposto nel tempo a diverse biopsie e controlli invadenti, mettendo a dura prova non solo il suo fisico ma anche la sua forza psicologica. La malattia di cui in realtà l'uomo soffre, un'infiammazione dei vasi sanguigni, a patto che venga presa in tempo, può essere curata completamente. Nel caso di James, però, visto che è stata trascurata per ben cinque anni, è necessario fare alcuni controlli per capire se qualche organo è stato danneggiato oppure meno.