Vittima innocente di un autista ubriaco, dovrà vivere, se si salva, con una grave menomazione. A Thiago, un bambino di appena 14 mesi, è stata amputata la gamba destra dopo che è stato centrato in pieno dall'autocarro di Pietro Dal Santo, muratore 58enne, completamente brillo alla guida.

L'uomo, venerdì pomeriggio ha forzato un posto di blocco a Marostica, comune in provincia di Vicenza. Thiago che era con la madre a gustare un gelato vicino a un muretto di un parco, è stato travolto e rischia la vita. La folla ha cercato di linciare l'uomo che ora si trova in carcere.

La mamma del bambino dice dall'ospedale: "Rimpiangerà il giorno in cui è venuto al mondo".

Autista ubriaco investe un bimbo e la sua mamma

Alle 5 di un pomeriggio già pimaverile, nel giorno della festa della donna, a un tratto si è fatto buio fitto nella vita di una madre, Raiza Terziu, 28enne, origine albanese. Raiza si era da poco licenziata dal lavoro in una pasticceria di Marostica per accudire meglio il piccolo Thiago che sentiva troppo la mancanza della mamma. Venerdì era con lui e Samuel, l'altro figlio di sette anni, la madre ed un'amica: stavano sorbendo un gelato quando il camioncino guidato da Pietro Dal Santo li ha travolti. In un attimo, la vita della famiglia è stata distrutta. Dal Santo, in stato di ebrezza, aveva appena forzato un posto di blocco della polizia locale, allertata da chi l'aveva visto barcollante e, a ragione, temeva la pericolosità del soggetto alla guida.

Testimoni l'hanno visto accelerare in corrispondenza di una curva, per poi piombare sul gruppetto familiare investendo in pieno il piccolo che è stato sbalzato dal passeggino ed è rimasto schiacciato contro un muretto. Soccorso dal 118 e trasportato in eliambulanza, è ricoverato in terapia intensiva pediatrica all'ospedale di Padova.

Gli è stata amputata una parte della gamba destra, sotto il ginocchio, ed ha un trauma cranico. E' tenuto in coma farmacologico e la prognosi resta riservata.

Il papà di Thiago, arrivato poco dopo, si è fratturato mano e polso dopo aver scagliato violenti pugni contro i vetri del mezzo dell'uomo ubriaco. La mamma, intervistata dal Corriere della Sera, dal letto dell'ospedale di Bassano dove si trova ricoverata, ha minacciato che se la legge non terrà in carcere l'investitore, sarà lei "a farlo a pezzi".

La donna è sconvolta: un figlio piccolo non ha più una parte di gamba e l'altro, Samuel, ha assistito a tutta la scena ed è sotto choc. Il papà è distrutto interiormente.

Il pirata della strada rifiuta di fare l'alcoltest

Secondo il racconto di alcuni testimoni, Dal Santo prima ha cercato di rimettere in moto e di fare retromarcia, poi di scappare a piedi. Sottratto al padre di Thiago ed alla folla che voleva linciarlo, è stato arrestato, ma anche salvato dai carabinieri che lo hanno portato al riparo per evitare il peggio: secondo un testimone, il padre del bambino voleva ucciderlo.

L'arrestato non ha soccorso il piccolo dopo averlo investito, però poi è andato dalla madre a chiedere in che condizioni fosse.

Non ha voluto sottoporsi all'alcoltest: ragion per cui, gli è stato attribuito in automatico un valore alcolemico superiore di 1,50 ed è stato arrestato per guida in stato di ebbrezza, lesioni personali gravissime, resistenza a pubblico ufficiale e rifiuto di sottoporsi ad alcoltest. Quindi, è stato portato all'ospedale di Bassano per i prelievi del sangue forzati: i risultati hanno confermato valori oltre la soglia di legge. Sentito dai carabinieri, era in stato talmente alterato che non ha saputo dare nessuna spiegazione dell'accaduto.

Sposato con due figli, socio di un birrificio della zona, secondo alcuni testimoni quando si è messo alla guida non si reggeva in piedi. E non sarebbe stata la prima volta.

Il suo profilo social è stato riempito di insulti. A Marostica intanto, è iniziata una gara di solidarietà: i cittadini stanno raccogliendo fondi per agevolare le cure del bambino.