Massimo Sebastiani è indagato dalla Procura di Piacenza, per omicidio volontario e occultamento di cadavere per la scomparsa di Elisa Pomarelli. La svolta nelle indagini è arrivata in seguito alle analisi dei Ris nell'auto del 45enne. Gli investigatori hanno trovato, tra i boschi, un giaciglio, che potrebbe essere stato utilizzato dall'uomo per dormire.

Trovato un giaciglio nei boschi

I cani molecolari, impiegati nelle lunghe ricerche dei due scomparsi, hanno individuato tracce di Massimo Sebastiani che risalirebbero al massimo a due giorni fa, nei boschi della zona di Veleia. La scoperta ha fatto intensificare i controlli in quell'area, nella speranza di rintracciare altri indizi utili alle indagini: i cani hanno trovato un giaciglio realizzato con alcune foglie e rami, probabilmente utilizzato dall'uomo per dormire.

Nella giornata di ieri, sabato 31 agosto, è arrivata anche una svolta nelle indagini: l'ipotesi degli inquirenti si è spostata dal sequestro di persona all'omicidio volontario e occultamento di cadavere. Per questo motivo domani, lunedì 2 settembre alle ore 10, ci sarà un sopralluogo nella casa di Sebastiani.

Secondo l'avvocato Mauro Pontini, che come consulente di parte ha nominato la criminologa Roberta Bruzzone, gli inquirenti avrebbero trovato già qualcosa nella sua auto. Nell'ispezione di domani, molto probabilmente, cercheranno delle tracce di sangue con il luminol.

Per gli investigatori la Pomarelli potrebbe non essere morta

Gli investigatori hanno tenuto a precisare che questa svolta nelle indagini non rivela che la donna sia morta, ma evidentemente le prove trovate sono state utili alla formulazione di un'ipotesi concreta che possa permettere ulteriori accertamenti tecnici. I Carabinieri e la Procura di Piacenza hanno iscritto Massimo Sebastiani nel registro degli indagati con un'imputazione molto pesante.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cronaca Nera

La scelta è dovuta alle prove raccolte dai Ris di Parma sull'auto dell'uomo.

Sin dal primo momento l'indizio chiave, su cui hanno scavato gli inquirenti, è stato il rapporto poco chiaro tra il 45enne ed Elisa Pomarelli. L'amore non corrisposto potrebbe essere la strada indirizzata verso un possibile movente. La ragazza, amica dell'uomo presumibilmente innamorato di lei, è scomparsa domenica 25 agosto, dopo essere stata vista l'ultima volta in compagnia di Massimo Sebastiani, per un pranzo in una trattoria.

I due sono amici da circa tre anni, ma stando alle ultime testimonianze, da parte di lui il sentimento era più profondo: arrivava addirittura a definirla "fidanzata". Le squadre stanno perlustrando le zone boschive alla ricerca di qualche traccia che possa far sperare in un ritrovamento.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto