"Il Treno della Memoria è di parte". Dunque, il Comune di Predappio (in provincia di Forlì, noto per aver dato i natali a Benito Mussolini) ha negato il contributo agli studenti che intendevano prendere parte al progetto di educazione alla cittadinanza denominato 'Promemoria_Auschwitz'. La decisione del Sindaco Roberto Canali (lista civica di centrodestra sostenuta da Lega, Forza Italia e Fratelli d'Italia) sta sollevando non poche polemiche. L'associazione Generazioni in Comune ha deciso di condannare la vicenda e di contribuire economicamente al progetto al posto del Comune.

Il progetto 'Promemoria Auschwitz'

'Promemoria Auschwitz-Treno della Memoria', dal 2004 si impegna ad accompagnare gli studenti italiani a visitare, attraverso un percorso culturale ed educativo, i campi di concentramento di Auschwitz-Birkenau (a Oświęcim, in Polonia). L'iniziativa, capace di creare conoscenza storica, comunità e cittadinanza attiva è patrocinata dai Presidenti della Repubblica, dalla Camera, dal Senato e dal Parlamento Europeo.

Il progetto, dal 2011, coinvolge anche gli istituti superiori di Predappio e, quest'anno, due studenti vi hanno aderito. L'Anpi Forlì-Cesena si è fatta carico di una quota, mentre l'altra doveva essere coperta dall'amministrazione predappiese. Il Comune, però, ha deciso di negare un contributo alla partecipazione.

'Il Treno della Memoria è di parte'

Il sindaco di Predappio, Roberto Canali, ha spiegato che l'amministrazione non è contraria al Treno della Memoria e non vuole impedire la conoscenza dei campi di concentramento nazisti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica Lega Nord

Il Comune, a suo dire, si è opposto al fatto che il treno proceda solo in un’unica direzione, cioè solo verso Auschwitz. Quindi ha aggiunto che, quando i Treni della Memoria si fermeranno anche in altri luoghi di oppressione (come le Foibe o il Muro di Berlino), anche l'amministrazione di Predappio contribuirà all’iniziativa. "La storia - ha concluso - va conosciuta tutta. La conoscenza della storia di parte, infatti, non dev'essere finanziata con i soldi pubblici".

Ovviamente, la decisione del primo cittadino ha sollevato critiche e polemiche. L'associazione locale Generazioni in Comune ha definito "ingiustificabile" il mancato contribuito e ha deciso di coprire la quota che sarebbe spettata all'amministrazione (pari a 370 euro) per permettere ad uno studente di seguire il percorso di studi e, soprattutto, di vedere con i propri occhi una delle tragedie più grandi della storia dell'umanità.

Novità video - Sindaco Predappio: no a viaggio memoria pagato dal Comune
Clicca per vedere

"In questo settimane contraddistinte da antisemitismo e odio - ha precisato l'associazione in un comunicato - è un fatto dall'alto valore simbolico".

Generazioni in Comune ha anche voluto sottolineare che vedere Auschwitz oggi, cogliendone significato e implicazioni, e conoscere la storia delle persecuzioni della Seconda guerra mondiale è indispensabile per acquisire la consapevolezza che determinati processi che li scatenarono, così come le conseguenze culturali, sociali e politiche sono parte di un passato comune.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto