Sabato 25 luglio il 21enne Alessandro Di Nino, originario di Ortona, è stato trovato in stato d'incoscienza e semidissanguato in una camera d'hotel di Pescara. Accanto al suo corpo sono stati rinvenuti i vetri rotti appartenenti alla finestra della sua stanza. Il ragazzo è deceduto subito dopo, nell'ospedale Civile, per circostanze da definire. Il tragico episodio di Cronaca Nera è stato riportato da alcuni quotidiani locali e nazionali.

Una prima ricostruzione dei fatti

Secondo alcune testimonianze, un 18enne di Roma avrebbe prenotato per lui e per la vittima 21enne per tre notti la stanza numero 402, situata al quarto piano di un albergo del lungomare sud di Pescara.

Il 18enne ha riferito agli inquirenti di essere uscito dalla camera d'hotel per andare a comprare le sigarette, e di aver trovato al suo ritorno, verso le sei del mattino, il corpo del suo amico semidissanguato a terra, in camera. Le gambe della vittima erano coperte di sangue, indizio che rivelerebbe che il ragazzo potrebbe aver preso a calci la finestra della stanza, provocandosi profonde lesioni agli arti inferiori. Sulla pavimentazione e sulle lenzuola sono state rinvenute molte tracce di sangue, ma gli inquirenti stanno indagando anche sull'ipotesi che Alessandro Di Nino potrebbe aver perso la vita dopo l'assunzione di sostanze stupefacenti. Il 21enne di Ortona si era trasferito da qualche tempo a Pescara, però non è chiaro perché il ragazzo residente in città si trovasse in quell'hotel.

I soccorsi e le indagini in corso

L'amico della vittima, dopo averlo ritrovato in stanza privo di sensi, ha immediatamente allertato i soccorsi, che hanno trasportato urgentemente il 21enne all'ospedale Civile di Pescara. Ma il giovane non ce l'ha fatta: è deceduto subito dopo nel reparto di Rianimazione, per cause ancora da definire.

Sul luogo dell'accaduto sono giunti anche i carabinieri, che si stanno occupando delle indagini per definire cosa sia accaduto in quella camera d'albergo ad Alessandro Di Nino. Il medico legale Ildo Polidoro sta effettuando i primi rilievi all'interno della stanza, dai quali si evince che il ragazzo potrebbe non essere morto per le ferite da taglio riportate, nonostante abbia perso parecchio sangue.

La procura di Pescara ha disposto l'autopsia sul corpo del 21enne, che nei prossimi giorni rivelerà quali siano state le cause del decesso. Sono stati eseguiti, come da prassi, anche gli esami tossicologici e gli inquirenti stanno ascoltando i dipendenti e gli ospiti dell'albergo in cui ha perso la vita il giovane. Verrà interrogato anche l'amico 18enne della vittima, per mettere a verbale la sua ricostruzione in merito all'accaduto.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!