Un venticinquenne di etnia rom è stato denunciato alle forze dell’ordine perché cercava di vendere un bambino di soli due anni in spiaggia, a Ostia, sul litorale della provincia sud di Roma. Il giovane offriva il piccolo ai bagnanti in cambio di denaro. A segnalare la vicenda alla polizia è stato un turista, che ha subito fatto scattare le ricerche da parte della Guardia di Finanza. Il bimbo è stato soccorso e successivamente portato all’ospedale più vicino.

Offriva il bambino ai bagnanti in cambio di denaro

I fatti sono accaduti sul lungomare Amerigo Vespucci di Ostia all’altezza del Lido del Finanziere.

Nella località balneare romana un ragazzo di etnia rom di circa venticinque anni ha provato a vendere ai bagnanti un bimbo di soli due anni in cambio di denaro. Il giovane portava il piccolo in braccio, esibendolo ai presenti proprio come se fosse un prodotto da vendere. Proponeva poi ai bagnanti uno scambio, rigorosamente in denaro. La spiaggia era affollata e la scena si è svolta davanti a numerosi testimoni. Uno di questi, un turista, allarmato per ciò che stava accadendo si è rivolto alla Guardia di Finanza di Roma in quel momento in servizio nelle immediate vicinanze del lido. Le forze dell’ordine sono intervenute immediatamente con l’aiuto di alcuni colleghi.

L'uomo ha abbandonato il piccolo su un marciapiede, dandosi alla fuga

Nel frattempo il ragazzo di etnia rom con in braccio il bambino si era allontanato dallo stabilimento balneare, dirigendosi a piedi verso il centro della città di Ostia. La Guardia di Finanza con il supporto degli agenti del Commissariato Lido, appartenenti alla Polizia di Stato, hanno iniziato a cercarlo.

Non appena accortosi dei militari, il giovane ha abbandonato il bimbo per strada, su un marciapiede, e successivamente ha provato a fuggire, cercando di far perdere le proprie tracce. Ma non ce l’ha fatta, in quanto poco dopo è stato raggiunto dai militari e agenti in servizio. Non appena è stato fermato, il ragazzo è stato colto da un impeto d’ira e si è scagliato contro le forze dell’ordine cercando di opporsi invano al fermo.

Senza documenti, l'uomo si è rifiutato di chiarire eventuali legami di parentela con il minore. È stato poi identificato e denunciato.

Il piccolo era spaventato e di lui si è occupato un poliziotto che, dopo averlo tranquillizzato, lo ha portato immediatamente all’ospedale Grassi di Ostia. Lì il bambino è stato sottoposto a controlli per verificare le sue condizioni di salute. Per quanto riguarda la famiglia del minore, al momento non si hanno ancora notizie certe.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!