Un uomo è stato trovato morto in data 6 aprile nel suo appartamento ad Anzola Emilia, in provincia di Bologna. La moglie è stata rinvenuta con ferite al collo e al volto. Si ipotizza una possibile lite coniugale degenerata, avvenuta intorno a mezzogiorno. Secondo le prime informazioni, lui si sarebbe suicidato tagliandosi la gola con un coltello. In casa erano presenti anche i due figlioletti della coppia che non avrebbero riportato danni fisici. Secondo quanto si apprende, sarebbero stati alcuni operai a contribuire alla ricostruzione di quanto avvenuto.

Questi, che stavano lavorando presso un cantiere allestito all'esterno dell'appartamento, avrebbero prima sentito un urlo provenire dall'abitazione dei coniugi, sita al primo piano. Avrebbero in seguito visto un coltello volare da una finestra. Si sarebbero sentite, inoltre, alcune urla invocanti aiuto. La donna risulta essere ricoverata presso l'ospedale Maggiore di Bologna. Gli stessi testimoni, infatti, allarmati dalla situazione, hanno chiamato i carabinieri e i soccorritori del 118. Sono intervenuti i militari della compagnia di Borgo Panigale che hanno poi provveduto, come di prassi, ad avvertire il magistrato di turno.

Le dichiarazioni di un testimone

Intervistato al Resto del Carlino, uno degli operai testimoni della vicenda avvenuta ad Anzola Emilia ha dichiarato: "Stavamo su e abbiamo sentito delle urla".

È stato chiesto all'uomo a che ora sia successo, l'operaio ha risposto: "Più o meno alle 11". Un suo collega ha dichiarato di aver sentito qualcuno che chiedeva continuamente aiuto. In seguito avrebbero visto un coltello cadere da una finestra. La vicenda che ha visto la morte di un uomo, è avvenuta presso un'abitazione sita in via Zucchini.

In casa sarebbe esplosa una lite tra coniugi a colpi di coltello.

Si sarebbe tolto la vita in presenza dei figli

L'uomo si sarebbe tolto la vita in presenza dei figli. I bambini, figli della coppia, hanno rispettivamente 4 e 7 anni. Secondo le testimonianze rese note, in seguito alle precitate urla sarebbe avvenuta l'aggressione del suicida nei confronti della moglie.

La donna sarebbe rimasta ferita lievemente sia al volto che al collo. Dopo l'aggressione, l'uomo si sarebbe suicidato tramite l'ausilio di un coltello. I vicini di casa della coppia avrebbero visto la moglie del suicida uscire dall'abitazione e scendere in strada, nonostante le ferite. Al momento non si conoscono le cause del litigio finito male.

Segui la pagina Cronaca Nera
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!