L'attore protagonista del film cult "Call me by your name" diretto dal regista Luca Guadagnino sta vivendo un periodo difficile.

Nel 2021, alcune ex partner hanno accusato Armie Hammer di abusi sessuali. Queste accuse hanno determinato l'esclusione dell'attore da Hollywood, e sono state raccolte in un documentario, "House of Hammer", in uscita il 2 settembre su Discovery+, che affronterà il tema delle molestie oltre che la saga familiare degli Hammer, dando voce alle presunte vittime.

Come già avvenuto in passato a Kevin Spacey, in seguito ad alcune denunce per molestie, anche Hammer ha perso molti contratti e proposte di lavoro.

A rincarare la dose, ci ha pensato la zia, Casey Hammer, che ha dichiarato in un'intervista presente nel documentario "House of Hammer" di non essere rimasta sorpresa dalle accuse mosse al nipote, nel documentario dichiara: "Quando questa storia è venuta fuori, non mi ha stupito per niente. Non è che un giorno ti svegli e all’improvviso diventi una persona così oscura e manipolatrice". Fino ad oggi tutte le accuse recapitate ad Hammer sono state rispedite al mittente dai legali dell'attore.

"House of Hammer": il documentario su Discovery+ e le accuse di violenza

Armie Hammer e la controversa storia della sua famiglia sbarcano dal 2 settembre su Discovery+ nel documentario "House of Hammer", in cui verrà trasmessa l'intervista integrale alla zia Casey.

Come già si può vedere dal trailer, le principali accusatrici di Armie Hammer sono Courtney Vucekovich e Julia Morrison.

In particolare, Vucekovich si sofferma a raccontare di come la sua relazione con Armie all'inizio fosse favolosa e di come, con il passare del tempo, l'attore si sia rivelato un dominatore dispotico.

Le dichiarazioni delle due donne sono accompagnate da una serie di messaggi scritti e note vocali che sembrano inchiodare Hammer in maniera inequivocabile.

Vucekovich racconta come tra i messaggi arrivati alla ragazza ci fosse anche uno in cui l'attore diceva di essere "un cannibale al 100%" . In un altro presunto messaggio mostrato dal documentario si legge: "La mia scommessa consisteva nel presentarmi a casa tua, legarti per renderti inabile e fare tutto ciò che volevo con ogni singolo buco del tuo corpo".

Le rivelazioni della zia Casey

Tutto il racconto di "House of Hammer", in onda in tre puntate su Discovery+ dal 2 settembre, viene scandito soprattutto dall'intervista di Casey. La stessa zia in un libro del 2015 aveva accusato suo padre Julian di aver abusato di lei quando era una bambina e di essere sempre stato violento in famiglia.

Attualmente, Armie Hammer è scomparso dai social, ha reso privato il profilo Instagram, peraltro, cancellando tutti i post. Pare che si sia rifugiato alle Isole Cayman, dove sta cercando di ricostruirsi una nuova vita facendo l'agente immobiliare per case di lusso.