Il film Star Trek: Into Darkness è girato da J.J. Abrams già regista del primo Star Trek del 2009, reboot della fortunata serie creata da Gene Roddenberry. Come fan della serie tv classica non credevo molto in questo progetto ma quanto nel 2009 è uscito il primo capitolo ho capito che la visione di Abrams era quella giusta: il regista è riuscito nell'impresa di creare un film d'intrattenimento per tutti, sia per gli appassionati che per i nuovi spettatori. Un ottimo mix di fantascienza e azione come non se ne vedevano da un certo lasso di tempo. Nel primo film Chris Pine, ovvero il capitano Kirk, era costretto dalla serie di eventi che lo stava travolgendo ad effettuare scelte che lo avrebbero portato a scoprire la parte migliore di sé.

In Star Trek: Into Darkness i personaggi sono invece meglio caratterizzati, in quanto ognuno di loro dovrà scendere a patti con la propria morale decidendo cosa scegliere fra la realtà e i regolamenti della Flotta Stellare. In questo film il regista J.J. Abrams porta il male in casa, non c'è un nemico che arriva da lontano quando meno lo si aspetta, ma è invece un qualcosa che si pensava di poter controllare ma che invece si è sviluppato lentamente negli anni. Lo spettatore verrà pienamente catturato dalla trama del film, la quale si sviluppa in due ore e mezza, laddove gli eroi Kirk e Spock (Zachary Quinto) affronteranno degli antagonisti. Non si possono definire dei veri e propri nemici, o cattivi che dir si voglia, in quanto ciascun personaggio è spinto a compiere quelle che per ognuno di loro sembrano essere nobili azioni, seguendo la propria morale.

I migliori video del giorno

Fino alla fine del film lo spettatore non saprà con quale fazione schierarsi in quanto la situazione, già di per sé pericolosa, sarà anche ricca di mistero. Anche le astronavi sono state maltrattate dal regista J.J. Abrams, inclusa la stessa Enterprise, ottima scelta per dare maggiore realismo e enfasi alle scene di azione.

Il film di fantascienza Star Trek: Into Darkness è quindi un eccellente seguito, divertente, spettacolare e più “adulto”, in grado di aprire una nuova linea temporale nell'universo creato da Gene Roddenberry donandogli nuova linfa vitale e creando interesse sull'evolversi dei futuri film. Il film è girato interamente in IMAX (The Dark Knight era uno splendido esempio di quanto sia scenografica questo tipo di tecnologia) quindi si potranno ammirare scene più luminose e definite che daranno il massimo nel formato 3D.