Un'arena gremita quella di ieri per accogliere Ligabue, alla prima delle sei tappe programmate nell'anfiteatro veronese. Il cantante di Correggio come sempre riesce letteralmente a infiammare i suoi fan, ancora una volta accorsi a sentire il proprio idolo. Questa volta però il Liga è incappato in un fuori programma: mentre camminava in direzione del pubblico, con le mani levate al cielo e sulle note di "Queste notti", è scivolato dal palco procurandosi una microfrattura alla spalla destra.

Ma ci vuole ben altro per fermare l'animo rock di Ligabue.

Lo staff tecnico ha infatti subito rassicurato i suoi sostenitori sui social network, diffondendo questo messaggio: "Rassicuriamo tutti che i concerti saranno tenuti regolarmente". Niente paura quindi per il Liga che fino al 23 settembre continuerà ad ipnotizzare la città di Giulietta e Romeo con i suoi brani, prima dell'uscita del suo ultimo album dal nome ancora segreto.

Scivolone a parte la prima tappa del suo tour è stata un vero successo: sono stati circa 12mila i fan provenienti da tutta Italia per sentire il Liga e cantare insieme a lui degli evergreen come "Una vita da mediano", "Buonanotte all'Italia", "Leggero" o "Il giorno di dolore che uno ha". Il tutto accompagnato da una serie di foto scelte dal cantante stesso e proiettate alle sue spalle: Lucio Dalla, Enzo Jannacci, Little Tony, Margherita Hack, Rita Levi Montalcini, Mario Monicelli e molti altri personaggi che rappresentano l'orgoglio italiano.

Dopo due ore di concerto volate in fretta Ligabue non poteva non deliziare il suo pubblico con "Il sale della terra", piccola anteprima del disco in uscita il 26 novembre, che ha già fatto 2 milioni di visualizzazioni su Youtube. E i fan in apoteosi, sempre in piedi dall'inizio alla fine, hanno sicuramente apprezzato l'omaggio offerto dal loro idolo.

Segui la nostra pagina Facebook!