Dopo la morte di Paul Walker e il conseguente blocco delle riprese di Fast and Furious 7, la Universal ha deciso di portare a termine il film comunque, utilizzando le scene girate dall'attore fino a quel momento (circa la metà). Si tratta di moltissimo materiale che necessiterà di una conclusione degna e diversa rispetto al copione originale. Per questo motivo, le riprese sono state fermate subito dopo la tragedia e, con tutta probabilità, riprenderanno con le dovute modifiche già a gennaio 2014.

Pubblicità

Ma chi sostituirà Paul Walker, morto a 40 anni a causa di un incidente stradale?

Molti sono stati i rumors fin dai primi giorni, tra le ipotesi più fantasiose segnaliamo quella di Justin Bieber, poi prontamente smentita dal cantante e dalla produzione.

Sembra invece che lo sceneggiatore Chris Morgan abbia pensato allo stuntman Cody Walker, fratello minore di Paul, per farlo intervenire nelle scene rimaste. Grazie all'incredibile somiglianza tra i due, l'attore verrebbe infatti ripreso di spalle o a distanza, come già avvenuto per Il Corvo in seguito alla morte di Brandon Lee, e poi verrebbero utilizzati i ritocchi digitali in CG nel post produzione.

Sarebbe questo il modo di onorare la memoria di Paul in stretto contatto e in accordo con la sua famiglia. Inoltre la Universal eviterebbe di riavviare la produzione nella quale ha già speso 150 milioni di dollari evitando di chiedere un risarcimento senza precedenti alla compagnia assicurativa. Dovesse essere seguita questa strada, slitterebbe comunque l'uscita della pellicola che era stata inizialmente fissata per l'11 luglio 2014.