Came è l'azienda leader mondiale nella progettazione e realizzazione di automazioni per cancelli, porte, barriere stradali e porte scorrevoli. Essa è presente con proprie filiali in quasi tutti i continenti con una forte presenza in Europa, Russia, America e Medio Oriente.

EXPO 2015 spa e Came Italia hanno presentato il sistema di controllo accessi all'area espositiva durante i giorni della Esposizione Universale. Si tratta di un avanzatissimo sistema tecnologico integrato, capace di interagire con i sistemi di controllo e sicurezza, per una efficace gestione del flusso di visitatori. Infatti sono previsti ben 20 milioni di persone provenienti dai 5 continenti, nei sei mesi dell'evento.

Un flusso enorme stimato in 140 mila ingressi giornalieri, con un picco nelle prime due ore di inaugurazione di 250 mila partecipanti. Cifre enormi e una grande sfida per Came.

Il progetto

Il sistema di gestione degli accessi, si inserisce nel progetto Digital Smart City di EXPO 2015, composto di 250 tornelli automatici di cui 40 per diversamente abili. Ogni tornello è capace di leggere qualsiasi tipo di biglietto di ingresso, sia cartaceo che digitale (QR code, RFID, NFC), da smartphone come dai nostri tablet. Ciò consentirà un passaggio automatizzato dei visitatori più rapido e fluido, così da evitare code e conseguenti lunghe attese. Inoltre, i tornelli sono dotati di tecnologie per la lettura dei parametri biometrici per l'ingresso di quanti lavoreranno all'interno dell' EXPO.

Il sistema è stato ideato per gestire l'ingresso dei veicoli, attraverso cancelli scorrevoli, barriere stradali e 80 dissuasori tutti gestibili a distanza mediante 100 dispositivi palmari.

I migliori video del giorno

Un complesso sistema tecnologico di gestione dei flussi e della sicurezza, che per essere realizzato richiederà un certo numero di personale qualificato per la sua realizzazione.