La trilogia del Signore degli Anelli diretta da Peter Jackson riscosse un successo senza precedenti, totalizzando 30 nomination agli Oscar e vincendone ben 17. Il regista neozelandese raccontò in diverse occasioni le innumerevoli difficoltà affrontate per realizzare il film basato sul più celebre romanzo fantasy di J.R.R. Tolkien. Nonostante il grande successo, la trilogia ricevette inevitabilmente critiche dagli appassionati del genere Tolkieniano. Christopher Tolkien, erede del professore di Oxford, in un articolo sul quotidiano francese Le Monde, lasciò intendere che il lavoro di suo padre era stato travisato dagli inevitabili aspetti commerciali.

Anche per questo, la trasposizione cinematografica de Lo Hobbit, altro celebre romanzo di Tolkien, pareva incerta e dovette attraversare diversi ostacoli prima di essere finalmente concretizzata.

Mercoledì 17 dicembre arriva nei Cinema l'ultimo capitolo della trilogia: Lo Hobbit - La battaglia delle Cinque Armate. La pellicola sarà presente anche in 3D, HFR 3D e perfino in IMAX 3D, un innovativo sistema che consente risoluzioni video gigantesche. Le sale che in Italia supportano IMAX 3D sono soltanto tre, due in Lombardia (Pioltello e Sesto San Giovanni) e una in Emilia-Romagna a Riccione.

In sintesi la trama dei primi due capitoli de Lo Hobbit

Lo Hobbit è ambientato circa 70 anni prima degli eventi narrati ne "Il Signore degli Anelli", quando Bilbo Baggins trovò l'Unico Anello. Bilbo, rispettato hobbit della Contea, viene coinvolto in un'avventura da Gandalf, il misterioso Stregone giunto secoli prima nella Terra di Mezzo per contrapporsi alla malvagità di Sauron.

Questi sprona Thorin, erede del popolo nanico che un tempo proliferava sotto la Montagna Solitaria, alla riconquista del regno usurpatogli da Smaug il Dorato, un terribile drago.

Secondo lo Stregone il potere del drago non può essere sopraffatto con la forza ed offre il suo supporto a Thorin convincendolo ad ammettere nella spedizione lo hobbit, oltre ai 12 nani della sua stirpe. Bilbo è restio a partire, ma trova il coraggio per farlo. Attraverso numerosi pericoli lo hobbit si guadagnerà la fiducia dell'intera compagnia anche grazie ad una buona dose di fortuna. Troverà un misterioso anello che ha il potere di rendere invisibile chi lo indossa.

Questo gingillo farà la fortuna della compagnia di Thorin che verrà salvata più volte dalle trovate di Bilbo che, per qualche recondito motivo, terrà segreto il ritrovamento dell'anello.

Da un viaggio inaspettato alla desolazione di Smaug i 15 compagni incontrano numerose creature: Troll affamati di nani, orchi antagonisti, giganti di roccia, aquile giganti, elfi silvani, sino all'impressionante incontro con il drago Smaug. Dopo l'inutile tentativo di eliminare il Drago, la compagnia rimane negli immensi saloni di Erebor; Smaug, colmo di malizia ed ira, lascia la montagna per dirigersi minaccioso sul vicino villaggio di Esgaroth.

Intanto Gandalf è prigioniero di Sauron a Dol Guldur. Un esercito di orchi in segreto si avvicina a Erebor, capitanato dal Azog, l'orco albino acerrimo nemico di Thorin. Cosa accadrà? Come potrà essere sventata la minaccia del drago, degli orchi di Azog e di Dol Guldur? Non aggiungiamo spoiler per non rovinarvi l'attesa, ma i più curiosi possono leggere alcune anticipazioni della trama.

Segui la pagina Cinema
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!