l regista Ridley Scott ci riprova con la fantascienza e, dopo capolavori come “Alien” e “Blade Runner”, ma anche mezze delusioni come “Prometheus”, ci offre ora “Sopravissuto - The Martian”, un fedele adattamento del romanzo omonimo di Andy Weir.

Il film narra la storia di una missione su Marte rovinata da una tremenda tempesta che costringe l’equipaggio dell’astronave Ares 3 a decollare in fretta e furia.

Tanto in fretta che l’astronauta Mark Watney (Matt Damon) viene lasciato indietro e creduto morto, ma in realtà l’uomo è ancora vivo e comincia a ingegnarsi per sopravvivere e per chiedere aiuto.

Un Robinson Crusoe in versione spaziale

L’astronauta Mark Watney, quando rinviene e si rende conto di essere rimasto solo su Marte, non si perde d’animo e, come un novello Robinson Crusoe, comincia a escogitare dei piani per sopravvivere e per chiedere aiuto: comincia a coltivare patate in una serra rudimentale (lui è specializzato in botanica), recupera attrezzature da missioni precedenti (anche da un PathFinder) e riesce anche a ricontattare la Terra.

Ma il suo salvataggio risulta comunque difficile e, dopo un primo tentativo fallito, ci sarà bisogno di tutta la forza morale dei suoi compagni per risolvere la situazione.

E qui il film pone un difficile dilemma: è giusto mettere a repentaglio la vita di cinque uomini per cercare di salvarne uno solo?

Il regista Ridley Scott qui cambia il suo “registro fantascientifico”

Se in tutti i suoi altri film di fantascienza Ridley Scott propone mondi ostili, atmosfere cupe e mostri, in questo invece, al di là del naufragio drammatico, aleggiano l’ottimismo, la forza di volontà e lo spirito di corpo tipicamente americani. 

C’è proprio la chiara intenzione di fare un film positivo, che insegni a non mollare mai anche nelle situazioni più disperate.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cinema

E poi tutta la pellicola è pervasa da una colonna sonora pop anni Settanta e Ottanta (tra gli altri Gloria Gaynor, gli Abba e anche il David Bowie di “Starman”) che mette allegria e rende anche meno pesanti le immancabili spiegazioni scientifiche sulle soluzioni trovate.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto