“Inside Out” è l’ultimo e piacevolissimo film Pixar di Pete Docter e, almeno in origine, sarà stato pensato solo per i ragazzi, ma in realtà sta spopolando e insegnando parecchio anche agli adulti.

L’idea del film è semplice e, come spesso succede per le cose semplici, assolutamente geniale: ogni sentimento di una tipica famiglia media americana è rappresentato da un personaggio, e la protagonista della trama è una ragazzina adolescente, Riley, con tutte le emozioni e i problemi che si possono avere alla sua età.

“Inside Out”, quindi, narra le gioie e i patemi di una ragazzina e della sua famiglia riuscendo a trovare una sintesi delicata tra come funziona il loro (e nostro) cervello (proprio con tutti i vari schemi mentali) e una trama più o meno problematica (il trasferimento della suddetta famiglia dal Minnesota a San Francisco) che crei partecipazione da parte del pubblico.

Un film ambientato in un cervello

Questo film è praticamente quasi tutto ambientato in un cervello, quello della ragazzina Riley, dove le emozioni principali (Gioia, Tristezza, Rabbia, Paura e Disgusto) vengono personificate e devono gestire, ognuna secondo la propria natura, lo sconvolgimento emotivo che subisce la piccola protagonista dopo che lei e la sua famiglia si trasferiscono in un’altra città.

Anche il tempo percepito dalla mente della ragazzina è diverso, e quindi episodi minuscoli della vita reale di Riley vengono analizzati, dilatati e resi complessi e avventurosi dall’elaborazione della sua mente.La pellicola non vuole solo facilmente commuoverci, ma cerca di metterci di fronte ai nostri meccanismi mentali, evidenziando ciò che in genere ci fa forti e ciò che ci fa deboli.

Un altro grande successo della Pixar

“Inside Out” è un altro grande successo della Pixar, che negli ultimi anni ha saputo mettere insieme innovazione tecnologica e poesia realizzando dei piccoli capolavori destinati a tutti.Questo film piace ovviamente ai bambini perché si immedesimano direttamente in Riley e piace agli adulti perché si ricordano di essere stati, almeno un po’, come Riley.In conclusione, si tratta comunque di un’opera che appassiona, coinvolge e non lascia indifferenti, nonostante si tratti pur sempre di un film di animazione.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Cinema

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto