Nel corso del primo weekend di luglio si terrà la "Festa dei Musei", e da Pompei arriva un'importante notizia che renderà felici gli appassionati di cultura e storia antica. Infatti il 2 e 3 luglio, dalle ore 9 alle 17, i famosi scavi archeologici apriranno al pubblico, in esclusiva, la Domus di Romolo e Remo. Si tratta di una dimora risalente al II secolo avanti Cristo, situata in una delle zone più ricche dell'antica città, ovvero nei pressi di una delle porte urbiche e del foro, accanto ad importanti santuari. 

La struttura della dimora denominata di Romolo e Remo è quella tipica delle case ricche dell'epoca: all'ingresso si può ammirare un antico mosaico in ciottoli, prima di accedere all'atrio dotato di impluvio, intorno al quale si aprono diverse camere destinate ad uso privato.

Pubblicità

Le aree deputate all'accoglienza degli ospiti sono l'oecus e il tablino, senza dimenticare lo splendido giardino arricchito da una serie di colonne scanalate di colore bianco e rosso, con il pavimento in cocciopesto. Nell'alcova di questa preziosa testimonianza storico-culturale, gli archeologi hanno rinvenuto tracce di un letto. A tutti i visitatori, soprattutto ai più giovani, verranno distribuiti dei depliant che descrivono minuziosamente gli edifici più importanti e significativi di Pompei: la casa di Romolo e Remo, il Macellum, la Domus degli Amorini dorati, la Basilica e il Tempio di Iside.

Il 3 luglio, in concomitanza con l'iniziativa "Domenica al Museo", l'ingresso agli scavi pompeiani sarà gratuito nelle seguenti fasce orarie: dalle 9 alle 12:30 e dalle 14:30 alle 18.ù

Pompei si fa bella di notte: il 2 luglio ingresso serale a 1 euro

Oltre all'apertura al pubblico della Domus di Romolo e Remo, per l'inizio del mese Pompei ha organizzato un'altra suggestiva iniziativa. Infatti sabato 2 luglio l'antica città sarà visitabile di sera, al prezzo di 1 euro. L'accesso "al chiaro di luna" prevede un passaggio all'Antiquarium, dove è previsto un interessante percorso di conoscenza della storia di Pompei, dalle origini fino alla terribile eruzione del 79 Dopo Cristo che la distrusse.

Pubblicità

Si potranno ammirare numerose proiezioni multimediali e un realistico plastico che mostra il sito urbano a poche ore dalla distruzione. Sarà disponibile anche la mostra "Sacra Pompeiana" che si sofferma sui principali luoghi di culto della città ed ospita alcuni reperti di edifici sacri come il Tempio di Apollo e il Tempio Dorico. Infine, recandosi al quartiere dei Teatri, si assisterà a delle illuminazioni multimediali serali che immergeranno i visitatori al tempo dei gladiatori e degli "spettacoli" che si tenevano all'Odeion e al Teatro Grande.

Insomma, il weekend del 2-3 luglio di Pompei sarà all'insegna della conoscenza e dell'apertura a prezzi modici e gratuita per tutti i visitatori: un modo per far sì che tutti possano conoscere la storia e il fascino degli scavi archeologici più famosi al mondo.