Appuntamento da non perdere al Teatro Marconi di Roma con una commedia che racconta da vicino il problema del rapporto tra genitori e figli. Dal primo all’11 dicembre va in scena la commedia “L’amore migliora la vita”, testo scritto e diretto da Angelo Longoni, che vede sul palcoscenico un poker di attori del calibro di Ettore Bassi, Edy Angelillo, Giorgio Borghetti ed Eleonora Ivone. È la storia, racchiusa tra comico e drammatico, di due coppie di genitori profondamente diverse tra loro che si trovano ad affrontare il problema della omosessualità dei loro figli. Nel corso di una cena dai risvolti imprevedibili, si susseguiranno momenti di ilarità e di riflessione inevitabile, la fotografia nitida di una società che si professa all’avanguardia, in realtà ha paura solo a pronunciare la parola omosessualità.

Rabbia e paura, grazie ai quattro ottimi attori, terranno il pubblico incollato alla poltrona, racconteranno una società dove ognuno pensa di avere in tasca la verità universale, fino all’esilarante ma molto significativo epilogo della commedia.

“L’amore migliora la vita”, come hanno scritto alcuni critici, è un richiamo alla comprensione, all’affrancarsi dall’ipocrisia, a comprendere le ragioni delle persone a cui siamo legati. Una commedia che non vuole fare la morale, pur occupandosi delle immoralità che ogni giorni viviamo e subiamo. E sui pregiudizi che nemmeno il terzo millennio sembra avere cancellato. Superbi sul palco Ettore Bassi, Edy Angelillo, Giorgio Borghetti ed Eleonora Ivone, attori di provata esperienza, che incarnano i quattro genitori che si incontrano per una cena chiarificatrice sul futuro dei propri figli ma iniziano a litigare quando si arriva al nodo della loro omosessualità e della loro volontà di vivere apertamente il loro amore.

I migliori video del giorno

E così padri e madri confermano la loro fragilità morale, l’arroganza, esplodono violenza, paura, meschinità e frustrazioni. Una commedia da vedere senza dubbio.

TEATRO MARCONI

viale Guglielmo Marconi 698e

dall’1 all’ 11 dicembre