Vittorio Sgarbi non ha peli sulla lingua, così ospite del Maurizio Costanzo Show per parlare del primo matrimonio gay celebrato a Torino, ha espresso con vivacità tutte le sue perplessità, visto che si è sempre detto contrario a questo tipo di unioni. Il critico d'arte senza giri di parole ha dichiarato: "Quando si sono sposati i primi due gay a Torino, 80 e 82 anni, gli hanno detto: 'Come è andata? Perché vi sposate?' Benissimo. Ci siamo sposati così quando vado all'ospedale lui mi accompagna. Poi la pensione di reversibilità" così ha proseguito: "Ma che c***o di matrimonio è? Ti unisci per la pensione di reversibilità? Ma che c***o è?!? Chiava e non rompere i c*******i".

Vittorio Sgarbi dà scandalo al Maurizio Costanzo Show

Purtroppo le dichiarazioni colorite di Vittorio sgarbi non sono piaciute a Stefano Francescon, Vice segretario Giovani Democratici Moncalieri, che ha commentato l'intervento del critico d'arte pubblicando sulla pagina facebook un video in cui contesta il linguaggio e le parole pronunciate per commentare quello che è stato certamente un matrimonio d'amore dopo anni passati a subire le peggio umiliazioni.

Stefano Francescon ha quindi espresso vicinanza alla coppia sostenendo che nel 2016 non possono passare alla tv messaggi omofobi e discriminatori, anche se Vittorio Sgarbi aveva espresso già ampiamente il suo dissenso sui matrimoni gay lo scorso marzo rilasciando un'intervista a La Zanzara su Radio 24 in cui ha spiegato che quella che ora può sembrare una grande conquista si dimostrerà negli anni qualcosa di profondamente sbagliato perché la famiglia è fatta solo per i figli e forse gli omosessuali non si rendono conto che il matrimonio è una fregatura terribile.

I migliori video del giorno

Il critico d'arte contro la famiglia

Secondo la visione del giornalista, le famiglie sono il punto più orribile della concentrazione di violenza, bisogna distruggere la famiglia e il matrimonio, restituire al singolo la propria libertà portando ad esempio personaggi come Pasolini, Oscar Wilde, Proust, Socrate e Platone.