Il 30 dicembre scorso Gemitaiz ha pubblicato in free download 'Quello che vi consiglio vol 7', settimo capitolo della nota saga di mixtape firmati dal rapper nato a Roma nel 1988, sette lavori che a partire dal 2009 sono stati pubblicati con regolare cadenza annuale, fatta eccezione per il 2011. Nella sesta traccia del disco, intitolata 'Da Piccolo,' è presente il racconto di un singolare aneddoto relativo ad un incidente stradale che, stando al racconto del diretto interessato, ha segnato per sempre l'esistenza dell' autore di Nonostante Tutto.

Per poco morivo

gemitaiz non ha la patente, non guida né le automobili né i ciclomotori, non ne ha mai fatto mistero ed è possibile trovare riferimenti a questa sua peculiarità in molti testi della sua discografia, ormai decennale.

Tuttavia, fino a pochi giorni fa il rapper romano non aveva ancora raccontato l'evento che più di ogni altro sembra aver influito su questa sua scelta. Ha deciso di farlo nel suo ultimo disco, pubblicato il 30 dicembre 2016, fornendo poi ulteriori e fondamentali delucidazioni tramite un post sulla sua pagina Facebook.

''Da piccolo io non ho mai avuto un motorino / Perchè l'ho guidato una volta e per poco morivo''. Con queste parole, presenti all'inizio del brano 'Da Piccolo', traccia numero sei di 'Quello che Vi Consiglio Volume 7', Gemitaiz ha suscitato la curiosità dei supporter, che hanno avuto però bisogno di ulteriori precisazioni per comprendere meglio la dinamica dei fatti.

Le parole di Gemitaiz

L'autore di QVC 7 ha successivamente precisato le parole contenute nel brano intitolato 'Da Piccolo', spiegando come e perché l'incidente stradale avuto durante l' adolescenza gli abbia fatto prendere la drastica decisione di astenersi per sempre dalla guida di qualsiasi genere di veicolo a motore, queste le sue parole: "Me facevo prestà il motorino da tutti gli amici però non lo prendevo mai guidavano gli altri.

I migliori video del giorno

Una mattina per andare a scuola ho deciso di guidarlo. Sono andato a tavoletta in curva e ho rischiato la morte. Così ho capito che non avrei mai dovuto guidare niente".