Era il 5 aprile del 1994 quando Kurt Cobain veniva trovato morto nella città di Seattle. Sono passati 23 anni e il suo ricordo continua a vivere tramite le sue canzoni.

L'infanzia

Kurt nasce ad Aberdeen, Stati Uniti, da una famiglia di umili origini. Il padre era un meccanico mentre la madre era una casalinga che stanca di non poter collaborare al sostentamento della famiglia, decide di iniziare la carriera da segretaria per poter arrotondare le entrate.

Kurt è un bambino molto vivace. Ama il disegno e ha una passione sfrenata per la musica, ma arriva all'età di otto anni il primo avvenimento stravolgente della sua vita: i genitori si separano e Kurt deve seguire il padre in una comunità di taglialegna in cui non si vedono di buon grado i bambini troppo sensibili e vivaci.

E qui che per calmarlo viene somministrato a Kurt il Ritalin, un farmaco che solo negli ultimi anni è stato considerato molto pericoloso per la salute soprattutto se dato in giovane età.

Il farmaco agisce sul cervello come una droga scaturendo effetti nefasti sulla personalità.

Con il passare degli anni Kurt non si calma ma diventa sempre più aggressivo e all'età di 17 anni si allontana dalla famiglia e vaga come un nomade per qualche anno.

I Nirvana

Tra la fine del 1985 e gli inizi del 1986 nascono i Nirvana, band che Cobain fonda con Krist Novoselic. Sono anni importanti per la musica che fa da tramite per poter esprimere rabbia, disperazione, solitudine.

"Lithium" "Polly" "Smells like Teen Spirit" sono solo tre dei numerosi brani che diventano una sorta di denuncia sociale per il male di vivere che i giovani sono costretti ad affrontare giorno dopo giorno.

Èd è tramite le sue canzoni che si inizia a capire il tormento che il giovane talento vive in solitudine, quella solitudine che neanche l'amata Courtney Love riesce a placare.

Nei testi delle sue canzoni pochi sono riusciti a cogliere il suo disagio, il suo malessere interiore. Kurt era un'anima profondamente turbata, in costante conflitto con se stesso che riteneva "diverso", " sbagliato".

La fine

La morte di Kurt Cobain arriva in silenzio. Proprio quando la sua band aveva raggiunto il massimo del successo e lui era ricco, famoso e ammirato. Ma all'interno lui era ormai profondamente danneggiato e divorato da mali che solo lui poteva conoscere.

Era il 5 aprile del 1994 quando Kurt si sparò in bocca a soli 27 anni. E oggi, dopo 23 anni, il suo male vive ancora, nella sua musica.

Ciao Kurt!

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto