Il 13 ottobre 2016 l’Accademia Reale Svedese avevaannunciato che il premio Nobel 2016 per la letteratura sarebbe andato a Bob Dylan, alias Robert Allen Zimmerman, per aver creato una nuova espressione poetica. Sin da subito, sopito il clamore dell’applauso che aveva accompagnato l’annuncio, si era destata una grande attesa sulle modalità con cui egli avrebbe ritirato il premio.

Il 10 dicembre solo un discorso

In questa data, scelta per la consegna del premio, dylan aveva fatto sapere di non poter essere presente a causa di impegni presi in precedenza. In sua vece, alla cerimonia aveva presenziato Patti Smith, che aveva omaggiato la sala con la sua voce commossa, sulle note di Hard Rain, tra gli elogi di tutti i presenti.

Egli aveva invece mandato al Banchetto dei Nobel un suo discorso, letto da Azita Raji, ambasciatrice degli Stati Uniti in Svezia. Tramite questo ringraziamento, Dylan aveva espresso la sua più sincera sorpresa alla notizia del premio, poichè non si era mai soffermato a pensare se la sua potesse essere considerata una forma di letteratura o no. Aveva dunque paragonato la sua vita presente a quella di Shakespeare: entrambi troppo presi dai problemi tecnici legati alla fruizione delle loro opere per potersi fermare a riflettere sul loro significato nella storia della letteratura.

Finalmente è giunto il momento di ritirare il premio

Come alcune voci avevano già anticipato, il cantante ha incontrato ieri, 1 aprile, pochi membri dell’Accademia Reale di Svezia e la cerimonia si è svolta senza telecamere, in forma privata.

I migliori video del giorno

I fortunati che hanno avuto l'occasione di assistere hanno dichiarato che ha mostrato una grande cortesia. Il sito web dedicato ai premi Nobel ha divulgato la notizia sottolineando come l’incontro sia avvenuto in relazione con il tour che Dylan sta conducendo, che fa tappa proprio a Stoccolma il 2 aprile. Le informazioni sulla consegna sono però estremamente riservate, forse anche per evitare un eccessivo clamore. Sul web infatti ha cominciato a circolare la foto di un uomo incappucciato che, secondo alcuni, sarebbe proprio Dylan in procinto di ritirare il premio.

Di sicuro per ora c'è solo la sua ferma volontà, dimostrata con i fatti, di voler vivere questo momento lontano dalla ressa. Dobbiamo dunque accontentarci del breve video commemorativo postato dal sito web dei Premi Nobel.