La 71ª edizione del Premio Strega è stata vinta dallo scrittore milanese Paolo Cognetti, con il romanzo Le Otto Montagne, edito da Einaudi. L'opera ha avuto molto successo anche con la giuria composta da giovani ragazzi, che gli hanno assegnato il Premio Strega Giovani.

Una vittoria indiscutibile

Il primo posto di Paolo Cognetti non ha sovvertito le ipotesi della vigilia ed è stato segnato dal netto distacco che l'autore ha avuto sugli altri partecipanti al concorso, grazie ai suoi 208 voti. La giuria era composta da 660 votanti;

  • 400 provenienti dal gruppo Amici della Domenica - Fondazione Bellonci;
  • 40 lettori scelti dalle librerie indipendenti appartenenti all'associazione ALI (Associazione Librai Italiani);
  • 200 studiosi e intellettuali (italiani/stranieri) scelti dagli istituti di cultura italiana all'estero;
  • 20 voti collettivi espressi da università, scuole e biblioteche.

Il libro ha venduto oltre 100 mila copie ed è stato tradotto per essere distribuito in più di 33 paesi.

Sono stati venduti anche i diritti cinematografici.

Le Otto Montagne, una storia che parla di amicizia

Le Otto Montagne è una storia che narra la lunga amicizia di due ragazzi che sono uno l'opposto dell'altro, ma il fatto di essere così diversi li tiene più uniti che mai invece di dividerli. Uno di loro si chiama Pietro, ragazzo di città dall'animo solitario e introverso. I suoi genitori hanno un passione che li unisce: la montagna. Luogo che li ha fatti innamorare e che è stato anche teatro del loro matrimonio, lì ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo. Pietro trascorre ogni sua estate in montagna, a Grana, sul Monte Rosa, e proprio lì conosce Bruno, un ragazzo della sua stessa età, ma che non si trova lì per una vacanza, visto che occupa del pascolo delle vacche. Da quel momento in poi inizia la loro amicizia, fatta di alti e bassi, ma sarà sempre la montagna a tenerli vicini.

I migliori video del giorno

Le opere di Paolo Cognetti

Le Otto Montagne è la settima opera narrativa scritta da Paolo Cognetti. È già stato finalista del Premio Strega nel 2013, con il romanzo di racconti Sofia si veste sempre di nero, edito dalla Minimum Fax. Ha una grande passione per la città di New York e proprio per Minimum Fax ha scritto la serie Scrivere/New York, nove puntate dove si narra la storia di alcuni scrittori della Grande Mela. Su questa città ha anche scritto tre guide: New York è una finestra senza tende (Laterza, 2010), Tutte le mie preghiere guardano verso ovest (2014) e New York Stories (Einaudi 2015).