Avrebbe dovuto compiere 75 anni il 4 marzo, ma la musica italiana è costretta a ricordare prima la sua improvvisa scomparsa avvenuta il 1° di marzo del 2012, a Montreaux (Svizzera), dopo un concerto. Parliamo di Lucio Dalla, cantautore dalla fama internazionale e soprattutto uno dei più importanti della musica italiana.

Il musicista bolognese fu, probabilmente, dei più innovativi e più eclettici del cantautorato italiano: di formazione jazzista, Lucio sperimentò vari generi musicali, passando dal beat al rhythm and blues, dalla canzone d'autore fino a sperimentare l'opera e la musica lirica.

Inizialmente lavorò solo come compositore, collaborando e componendo anche per artisti di fama internazionale; solo dopo, sì scoprì persino paroliere, scrivendo i testi agli artisti, per poi iniziare a scrivere anche le proprie canzoni.

In questi cinquant'anni di attività, Lucio Dalla, si è sempre distinto suonando pianoforte, sassofono e clarinetto. Strumenti che hanno segnato e caratterizzato la sua musica.

Tuttavia, è proprio dopo un suo concerto in Svizzera, a Montreaux, che Lucio si spegne nell'hotel che distava a pochi minuti dalla ferrovia. A scoprire il corpo senza vita del cantautore, fu il compagno - legato a lui da ben 8 anni - Marco Alemanno. I funerali si svolsero tre giorni dopo il 1° marzo: il 4 marzo 2012, giorno del compleanno di Lucio Dalla - 69 anni nel 2012 -, nella basilica di San Petronio a Bologna, dove accorsero 50mila persone.

Sei anni senza Dalla: gli eventi commemorativi a Bologna

Saranno ben cinque appuntamenti dedicati al cantautore bolognese, proprio nella sua città natale: Bologna. La città - come ogni anno - si sente in diritto di voler rendere omaggio e dire grazie a Lucio, per aver lasciato ai posteri la sua maggiore eredità: la sua musica.

Un primo appuntamento per riavvicinarsi alla vita di Lucio Dalla è quello organizzato dal Cna di Bologna, ovvero, "A casa di Lucio: visite guidate nella casa in via D'Azeglio", a partire da oggi 2 marzo, fino al 31 marzo. A seguire, sabato 3 marzo, alle ore 21 presso il Teatro Comunale Persiceto, si esibiranno "Lino e la settima Luna" nello spettacolo musicale dedicato al cantautore bolognese "Venti di Lucio".

Due concerti organizzati, come ogni anno, dal musicista prodotto da Dalla, Stefano Fucili. In "Piazza Grande fa un omaggio a Lucio Dalla", Fucili ha progettato un concerto per sabato 3 marzo alle ore 22 al Cortile Cafè e per domenica 4 marzo (compleanno di Lucio Dalla) alle ore 17 al Teatro Oratorio san Filippo Neri. Un altro concerto commemorativo è quello fatto di pianoforte e voci con Pascal Basile e Gabriele Via, che trasporteranno Bologna nel ricordo e nella musica di Dalla.

Infine, già dal 1 marzo, è possibile vedere negli scatti bolognesi la vita di Lucio Dalla: ben 40 fotografie, nei due cortili di Palazzo d'Accursio, nella mostra fotografica "Lucio Dalla nelle immagini scattate dei fotografi bolognesi" organizzata dalla Cineteca per Bologna e dall'Unione Fotografi Organizzati (UFO).