Pubblicità
Pubblicità

È una Barbara D’Urso inedita e a tutto tondo quella apparsa nella trasmissione Verissimo di sabato 12 gennaio, condotta da Silvia Toffanin, che ha ospitato la bella napoletana, madrina del salotto domenicale di Canale 5 e presente quotidianamente in video con la trasmissione Pomeriggio 5. La D’Urso, inoltre, ritorna da domenica 13 gennaio con l'attesissima fiction “La dottoressa Giò”, una serie televisiva che ebbe un grande successo negli anni 1997 e 1998, e che la vide già protagonista. Nella puntata di Verissimo, la D'Urso si è concessa alle domande anche molto personali della Toffanin, lasciandosi andare a qualche rivelazione in merito al passato.

Pubblicità

La bella dottoressa Giò ha raccontato particolari della sua infanzia, confessando di sorridere sempre, ma di indossare una maschera per apparire allegra e solare.

Barbarella e gli uomini

La presentatrice napoletana ha confessato particolari privati relativi al suo rapporto con gli uomini, rivelando di aver incontrato nella vita molte persone sbagliate, ma di non riferirsi a Mauro Berardi, il padre dei figli di Barbara. La donna ha continuato dicendo che a oggi non riesce ancora ad innamorarsi, e anche per questo motivo il suo cuore è interamente dedicato ai figli Giammarco ed Emmanuele e al pubblico che la segue da tanti anni.

Un amore da destinare solo alla famiglia e al pubblico. Barbara ha poi continuato dicendo di sentirsi in colpa a causa di questa chiusura affettiva, ma di non poter fare di più.

Un'infanzia difficile per la D'Urso

Sempre nella trasmissione Verissimo la conduttrice napoletana ha rivelato particolari molto intimi relativi al rapporto con la madre, lasciandosi andare al racconto della malattia che ha colpito la donna quando Barbara era ancora molto piccola. “Mi mancano i suoi abbracci. Lei era sempre attaccata a tubi e flebo”.

Pubblicità

Parole che sono arrivate direttamente dal cuore della D'Urso e che hannola stessa Silvia e il pubblico presente in studio. La D’Urso ha continuato rivelando che la malattia di sua madre ha eliminato molti bei ricordi della sua infanzia, ma nonostante tutto le ha insegnato a sorridere alla vita. Barbara ha confessato di aver fatto 15 anni di analisi, ma di non essere ancora riuscita a colmare il buco affettivo lasciato dalla scomparsa di sua madre, avvenuta quando Barbara aveva solo 11 anni. Una D’Urso inedita che ancora una volta ha lasciato il segno nel cuore degli spettatori.