Mentre tutti si preparano ai prossimi concerti estivi, in pochi pensano all'enorme organizzazione che ci sta dietro. E soprattutto non pensano a come fanno le band in tour, spesso impegnate in moltissimi appuntamenti dal vivo in pochi giorni, ad avere sempre abiti e vestiti puliti. A questa domanda ha risposto Hans Jurgen Topf, capo di Rock'n'roll Laundry, azienda che lava la biancheria a band e artisti molto famosi.

L'intervista al New York Post

Intervistato dal New York Post, Topf, ha parlato del suo lavoro e della sua attività.

Pubblicità
Pubblicità

"Questa è la mia vita", ha detto. "Gli artisti vivono la loro vita e io vivo la mia vita da bucato". Topf è il migliore specialista al mondo per quanto riguarda il servizio di lavanderia: ha viaggiato con i più grandi artisti al mondo, come Madonna, Pink e Beyoncé. Man mano che i tour sono diventati più grandi e più professionali, la loro logistica è diventata sempre più scoraggiante: ad esempio il tour degli U2 è durato circa sette mesi e ha attraversato due continenti, comprendeva circa 150 persone, che necessitavano sempre di cibo, alloggio e vestiti puliti.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Curiosità Concerti E Music Festival

È qui che "der Topf", come ama definirsi, entra in gioco. La sua azienda fornisce attrezzature e personale di lavanderia per le produzioni itineranti. "La mia reputazione mi precede", ha detto Topf, aggiungendo che, nel mondo della musica, "nessuno ha affrontato il tema del bucato, nessuno voleva impararlo, finché non ho sviluppato un sistema per questo".

Gli Slipknot

Quando è in tour, Topf inizia la sua giornata lavando i vestiti degli artisti, che di solito devono essere asciugati con l'aria, grazie ad un piccolo ventilatore.

Pubblicità

Gli indumenti più sporchi che abbia mai maneggiato erano le tute indossate in tour dagli Slipknot, su cui era stata spruzzata birra, crema e sangue finto, ed erano stati lasciati nei sacchi della spazzatura per tre giorni.

Le macchie più comuni sui vestiti degli artisti, ha detto, sono il sudore e la polvere di alluminio proveniente dalle rampe dei camion trasportate sul palco. La polvere si sporca quando gli attori si gettano in ginocchio o rotolano sul palco.

La soluzione migliore, ha detto, era che i membri dell'equipaggio mettessero giù le stuoie: "È meglio per i pantaloni".

E, a proposito di eccessi, ammette di aver trovato spesso droghe nei vestiti, anche se negli ultimi tempi ha trovato più altro: "In questi giorni, sono più propenso a trovare una bustina di tè alle erbe".

Come iniziò a lavorare

Una sera del 1982, mentre faceva la consegna per la lavanderia di proprietà dei suoi genitori, Topf notò il tour bus di Ted Nugent, che si era perso.

Pubblicità

Dopo aver dato le indicazioni all'autista, gli venne regalato un biglietto gratuito per il concerto, e più tardi si offrì di pulire i vestiti della band. Dopo che il manager di Nugent lo incoraggiò a continuare i suoi servizi, Topf iniziò a posizionarsi fuori dalle location dei concerti "come una groupie", offrendo servizi di lavanderia in giornata ai musicisti in visita, e tra questi ci furono Elton John e Blue Öyster Cult.

Ha comprato un piccolo camion, e lo ha dotato di due lavatrici e due asciugatrici, e così ha messo su la sua impresa.

Pubblicità

Oggi, l'azienda di Topf guadagna moltissimo affittando macchine alle produzioni itineranti, e di recente ha collaborato con un uomo d'affari che ha avviato una versione americana di Rock 'n' Roll Laundry. Topf gestisce anche un negozio a Ludwigshafen che fornisce servizi per aziende e ristoranti. "Non ho idea di cosa significhi", ha detto Topf, "ma questo è il tipo di cosa che ti mantiene".

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto