Anche il maestro Mogol non è rimasto indifferente al successo dell'ultimo vincitore di Sanremo, Mahmood, pseudonimo di Alessandro Mahmoud. Tanto da invitare il cantante nella sua scuola per autori per migliorare e "sgrezzare" la sua scrittura.

Mogol su Mahmood: 'Umile e gentile'

'Mahmoud? Non ho seguito Sanremo, ma ho sentito la canzone', ha commentato a Radio 24 Giulio "Mogol" Rapetti. E poi ha annunciato: 'Gli ho offerto di venire al Cet per una borsa di studio gratuita per diventare autore, perché l’idea del testo non è male, però non è scritto professionalmente'.

Pubblicità
Pubblicità

Chissà se Mahmood coglierà l'occasione di frequentare il Centro Europeo di Toscolano, la scuola per autori fondata da Mogol. Su di lui il maestro ha aggiunto: 'Mi sembra un ragazzo umile e gentile e per questo ho fatto questa offerta'. La canzone Soldi infatti ha conquistato anche lui che riconosce però ampi margini di miglioramento nella produzione musicale del cantante: 'La canzone è carina, ma forse il testo è un po’ da sgrezzare'.

Pubblicità

Mogol con la Lega: 'Sì alla legge per riservare il 30% alla musica italiana in radio'

Mogol ha parlato di Mahmood nell'ambito di una intervista a 'Uno, nessuno,100Milan’ su Radio 24. Ma l'intervista era mirata principalmente a un altro tema: la proposta di legge lanciata dalla Lega che vorrebbe riservare alla musica italiana il 30% dello spazio radiofonico. Mogol è stato invitato a commentare in qualità di presidente della Siae questa proposta.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Curiosità Concerti E Music Festival

'Lasciare il 70% alla musica straniera è un’ampia libertà di scelta. Prima gli italiani? Qui gli italiani sono i secondi' ha detto il maestro ribaltando l'ormai noto slogan salviniano. 'Non sono contro la musica straniera, ma credo che lasciare il 30% di spazio alla musica italiana sia una cosa buona. Perché farlo con una proposta di legge? La legge serve perché la norma venga rispettata e per far in modo che questo spazio esista'.

Mogol sulla proposta leghista per tutelare la musica italiana: 'In questo caso non è sovranismo'

'Parlano di decisione sovranista, ma dare del sovranista a chi lascia il 70% alla musica straniera è da incompetenti. Prima gli italiani? In questo caso gli italiani sono i secondi, è il proprio il contrario' ha detto Mogol commentando chi ha nuovamente accusato i leghisti di sovranismo. 'Il ministro della cultura Bonisoli ha detto che questa proposta gli ricorda il Ventennio?

Pubblicità

A me no. Questa è una affermazione che non condivido. Non mi ricorda il Ventennio'. Niente fascismi quindi per il maestro Mogol ma un modo per tutelare lo spazio alla tradizione.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto