Lunedì 1° agosto 2022, l'autore, regista e produttore di documentari e programmi musicali Giorgio Verdelli sarà ospite alla Rotonda di Copanello, frazione di Stalettì (in provincia di Catanzaro) per parlare del libro dedicato a Paolo Conte. L'evento si terrà all'interno della rassegna 'I miei omaggi...d'autore', promosso dall'Associazione Kimera con la direzione artistica di Gianluca Squillace.

Classe 1959, Verdelli è nato a Napoli e tra i documentari da lui diretti negli ultimi anni vi sono 'Pino Daniele. Il tempo resterà' del 2017, 'Paolo Conte - Via con me' del 2020 ed 'Ezio Bosso - Le cose che restano' del 2021.

Giorgio Verdelli ripercorrerà le tappe più importanti della sua carriera

Si terrà nel chiostro dello storico Caffè Imperiale di Catanzaro, lunedì 25 luglio, alle ore 19.30, la conferenza stampa di presentazione dell’evento inserito nella Rassegna “I miei omaggi…D’autore”, promosso dall’Associazione Kimera con la direzione artistica di Gianluca Squillace.

Essa sarà un’anticipazione di ciò che accadrà poi lunedì 1° agosto alle ore 20 nella terrazza della Rotonda di Copanello, frazione di Stalettì, che ospiterà Giorgio Verdelli, autore, regista e produttore di documentari e programmi musicali, oltre che uno dei maggiori esperti di musica internazionale.

In una conversazione con la giornalista Rosita Mercatante, Verdelli ripercorrerà le tappe più importanti della sua carriera, costellata di produzioni televisive ed editoriali con cui ha raccontato, con uno stile personalissimo che gli è valso il plauso della critica e del pubblico.

Il focus della serata sarà sull'opera su Paolo Conte

Il focus della serata di lunedì 1° agosto 2022, sarà l'opera di Verdelli intitolata "Paolo Conte", cantautore a cui ha dedicato un docufilm e un libro edito da Sperling & Kupfer.

L'obiettivo di Verdelli è quello di guidare i lettori in un viaggio introspettivo alla scoperta del suono, dell'anima e della poesia che caratterizzano i brani del cantautore piemontese.

Un racconto corale nel quale, alle parole dello scrittore si alterna la voce di Paolo Conte. Ma non solo: nel testo vi sono degli 'interventi' da parte di altri grandi personaggi che fanno parte del mondo dello spettacolo, come quello del Premio Oscar Roberto Benigni. La sua 'incursione' nel testo è da ritrovare nella conclusione del volume e permette all'opera di acquisire ancor più ricchezza.