5 curiosità sui rimborsi automatici dei 'truffati delle banche'

Con la linea promossa dal Ministro Tria sembra prevalere l'azzardo morale e si stravolge l'ordine di rimborso.

Guarda il video della news
Non perderti la nostra pagina Facebook!
Metti “Mi piace” alla pagina Facebook di Blasting News: ti terremo aggiornato su tutte le ultime notizie.
Pubblicità

In base all'accordo raggiunto tra il governo e le associazioni dei risparmiatori, chi avesse investito in azioni o obbligazioni subordinate di 11 istituti di credito oggetto di risoluzioni o ricapitalizzazione precauzionale, potrà ottenere un indennizzo. Il ristoro sarà pari al 95% del valore nominale per le obbligazioni subordinate e al 30% per le azioni.

La procedura dovrebbe essere automatica per chi presenta alcuni requisiti (i redditi inferiori a 35mila euro e i patrimoni finanziari inferiori a 100mila), mentre dovrebbe prevedere un arbitrato semplificato per gli altri.

Questo tipo di impostazione presenta diverse rilevanti criticità:

  • Incentivo all'azzardo morale: se lo stato rimborsa chi acquista titoli rischiosi, i risparmiatori vengono indotti a prestare minore attenzione nelle loro scelte di investimento
  • Infrazione dell'ordine giuridico di rimborso: offrire un rimborso agli azionisti, mentre alcuni obbligazionisti subordinati subiscono delle perdite è contrario alla normativa vigente
  • Presunzione di frode nei confronti dei piccoli risparmiatori non suffragata da alcuna evidenza
  • Incompatibilità dei rimborsi automatici con la disciplina civilistica e penalistica inerente questo tipo di frodi

Dunque la misura appare controversa, disfunzionale sotto il profilo degli incentivi e con ogni probabilità iniqua.

1

Gli indennizzi saranno automatici per i redditi sotto i 35k

I risparmiatori che hanno subito perdite a causa delle recenti crisi bancarie potranno ricevere un indennizzo senza ricorrere in giudizio. Per le obbligazioni subordinate è previsto un ristoro pari al 95% mentre per le azioni è previsto il 30%

Pubblicità
Pubblicità
2

Il rimborso agli azionisti solleva rilevanti criticità giuridiche

Come spiegato da Gianluca Codagnone di Fidentis rimborsare gli azionisti, quando gli obbligazionisti subiscono perdite infrange le disposizioni civilistiche sulla seniority degli stakeholders. Nel caso sia avvenuta una truffa è necessario avviare un procedimento penale e dunque agire caso per caso: l'attivazione di un rimborso automatico infrange la normativa vigente.

Pubblicità
Pubblicità
Clicca per leggere la news e guarda il video
Pubblicità
Pubblicità