5 brani dei Nomadi per festeggiare i 57 anni di carriera, tra questi: Io vagabondo

5 brani dei Nomadi per festeggiare i 57 anni di carriera tra questi: Io vagabondo.
5 brani dei Nomadi per festeggiare i 57 anni di carriera tra questi: Io vagabondo.

I cinque brani dei Nomadi che hanno fatto da colonna sonora alle nostre vite

Non perdere le ultime news
Clicca sull’argomento che ti interessa per seguirlo. Ti terremo aggiornato con le news da non perdere.
Clicca e guarda il video
Milano: anziana signora raggirata e truffata da un ragazzo

"Per quando voci di vuoto saranno solo echi, lungo le estati urlate sulle chitarre ritmiche e questa età di suoni scivolerà nello spazio e semineremo ricordi di cattedrali per le genti che non conoscono il nostro nome. Lasciamo un suono! Buon compleanno a noi".

Questo il messaggio che è stato consegnato oggi alla pagina Facebook dei Nomadi per ricordare questo giorno speciale, in cui si festeggiano i 57 anni di attività della band più longeva italiana.

Nati nel 1963 la sua formazione ha cambiato faccia più volte, spesso purtroppo anche a causa di gravi perdite, come quella dell'indimenticabile Augusto Daolio nel 1992.

I loro brani hanno fatto da colonna sonora per intere generazioni e alcuni di essi sono diventati immortali, e noti anche a coloro che magari non si possono definire loro fan.

Scegliere non è stato semplice, ma scopriamo insieme cinque di questi brani.

1

Io Vagabondo - 1972

Portato al successo nel 1972 dai Nomadi, il brano fu scritto da Alberto Salerno (testo) e dal bassista Damiano Dattoli (musica). Ancor oggi, dopo quasi 40 anni, resta uno dei brani più noti della band (tanto da essere riproposto ad ogni concerto) e forse addirittura uno dei più noti del panorama musicale italiano.

2

Dio è morto - 1967

Altro brano indimenticabile è Dio è morto, scritto da Francesco Guccini nel 1965, pubblicato su 45 giri dai Nomadi, due anni dopo, nel 1967. Il tema del brano sono i cambiamenti improvvisi della società e la possibilità di mettere in discussione tutto ciò che fino ad allora era considerato intoccabile.

Segui la pagina Curiosità
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!