Creazione immediata di posti di lavoro, con l'obiettivo di frenare l'avanzata della disoccupazione, che al 31 agosto ha toccato il 12%: la priorità dell'agenda del Governo per garantire la ripresa deve essere necessariamente questa. Questo Enrico Letta lo sa bene, e dopo la dichiarazione di Napolitano, secondo cui il paese sarebbe di nuovo in crescita, da New York arriva il messaggio del premier sui prossimi provvedimenti a riguardo.

Obiettivo primario dell'esecutivo dovrà essere, quindi, quello di favorire la ripresa delle assunzioni e il conseguente aumento degli occupati. Il primo passo da compiere in questo senso è, per Letta, la detassazione del lavoro stesso. Le prossime mosse del Governo dovrebbero incentrarsi proprio su questo punto. "La legge di stabilità che stiamo per presentare -  ha dichiarato a New York, secondo quanto riportato dall'Ansa - contiene un programma di bilancio molto importante, che prevede anche un consistente taglio delle tasse sul lavoro, che per l'Italia è un punto cruciale".

 Letta si dice speranzoso sulla crescita dell'Italia e dell'Europa, in funzione anche del risultato delle elezioni in Germania, che con la vittoria di Angela Merkel, ha confermato l'appoggio tedesco alla politica filoeuropea. "Dopo le elezioni tedesche non ci sono più alibi - ha dichiarato - dobbiamo mettere al centro la crescita europea". 

 Letta fa poi riferimento alla necessità di un "nuovo approccio europeo", che vada oltre l'austerity e la tassazione, con i quali è impossibile spingere la gente "a fare i sacrifici necessari".

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Offerte Di Lavoro

Un'affermazione che risulta ancora assordante in questi giorni, in cui bisogna decidere se applicare o meno l'aumento dell'Iva, che passerebbe dal 21 al 22%. Sembra essere già allo studio un decreto per congelare l'aliquota al 21% fino alla fine del 2013.

La detassazione del lavoro arriverà davvero come promesso, e in che misura? E soprattutto, avrà senso se bisognerà subire una stangata all'economia reale come quella dell'aumento dell'Iva?

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto