Gli svizzeri si trovano ancora una volta a votare sugli stranieri. E' l'ottava volta in meno di un secolo che viene sollevata la questione sugli stranieri. Gli svizzeri infliggono un sonoro 'no' a coloro che avevano deciso di limitare l'immigrazione. Ecopop chiedeva che non venisse superata la soglia dello 0,2 per cento di nuovi immigrati nell'arco di un anno. Oggi escono perdenti dalle urne. L'iniziativa del referendum è stato respinto dal 73 per cento dei votanti che oltre a ritenere il provvedimento eccessivo, lo hanno ritenuto anche dannoso per lo sviluppo economico. La versione online del quotidiano locale Blick definisce la sconfitta dell'Ecopop un vero e proprio Ecoflop.

Un commento pungente lanciato dal Michael Herman. A pesare sulla sconfitta della proposta è stata soprattutto la posizione sfavorevole di Christoph Blocher: si tratta del leader della destra elvetica che, propositore di un provvedimento analogo denunciava l'accordo di libera circolazione con l'unione europea. Proposta che venne approvata il 9 febbraio scorso. Lo slogan della proposta era 'stop all'immigrazione di massa'.

Sempre nella giornata di oggi gli svizzeri hanno bocciato l'iniziativa per eliminare i forfait fiscali. A dire di no è stato il 61,6 per cento degli aventi diritto al voto. Il deputato socialista Corrado Pardini, comunica che il raggiungimento del 40 per cento dei voti a favore dell'iniziativa dimostra che un'importante parte della Svizzera ritiene che il forfait fiscale sia ingiusto.

I migliori video del giorno

Sempre lo stesso deputato, collega questa sconfitta anche con la proposta dell'Ecopop che avrebbe rischiato di portare la Svizzera in una situazione di isolamento economico.

Un'altra iniziativa che è stata bocciata è stata la cosiddetta 'Salvate l'oro della svizzera'. A bocciare tale iniziativa, posta agli elettori svizzeri, è stato il 76,6 per cento degli aventi diritto al voto. Tale proposta disponeva che la banca elvetica avrebbe dovuto conservare l'oro anche depositato fuori dai confini. Gli economisti temevano che il mercato aurifero potesse uscire destabilizzato se la proposta fosse stata accolta.