Il Cdm ha varato ieri sera, su proposta del ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, i cinque decreti legislativi che attuano la legge delega di riforma fiscale introducendo significative novità. Il governo guidato dal premier Matteo Renzi interviene in particolare con cinque provvedimenti utili per semplificare e razionalizzare le leggi sulla riscossione; per riorganizzare le agenzie del fisco; per riformare il sistema delle sanzioni amministrative e penali; per stimare e monitorare l'evasione fiscale e riordinare le norme sull'erosione fiscale; e si interviene anche su contenziosi tributari e interpelli.

Fisco e tasse, ecco i cinque decreti attuativi del Governo Renzi

Ecco i 5 decreti attuativi della delega fiscale nel dettaglio. Sulla riscossione le nuove norme puntano a creare un sistema che favorisca la compliance, mediante norme che inducano i contribuenti ad ottemperare in modo spontaneo al pagamento delle imposte, anche tramite modalità più ampie di rateizzazione. Novità sull'aggio per i concessionari della riscossione: gli oneri non possono superare il 6% del riscosso (attualmente è all'8%).

Sul riordino delle agenzie fiscali la finalità del decreto legislativo è quella di riorganizzare le strutture delle agenzie del fisco, in maniera funzionale al potenziamento dell'efficienza dell'azione amministrativa e della riduzione della spesa. Ci saranno controlli meno invasivi ispirati al principio del controllo amministrativo unico.

Sulla riforma del sistema sanzionatorio penale e amministrativo il decreto attuativo varato dal Governo Renzi prevede di tenere conto dei comportamenti che, seppure illegali, sono comunque da ritenere privi di elementi fraudolenti e dunque meno gravi.

Davvero te la sei persa?
Clicca il bottone sotto per rimanere aggiornato sulle news che non puoi perdere, non appena succedono.
Matteo Renzi

Sono rese invece più severe le sanzioni penali per le frodi al fisco.

Nel quarto decreto attuativo si prevede di intervenire in modo continuativo e strutturale sul monitoraggio e sulla revisione delle cosiddette "spese fiscali", sulla rilevazione e l'evoluzione dell'evasione fiscale e contributiva e dei risultati raggiunti nell'azione di contrasto inserendoli sistematicamente nelle procedure di bilancio.

Sul contenzioso tributario e l'interpello il DLgs - l'unico fra i cinque varato in via preliminare e non in via definitiva - si muove soprattutto lungo le seguenti linee guida: l'immediata esecutività delle sentenze per tutte le parti, l'estensione della tutela cautelare al processo tributario; l'estensione degli strumenti deflattivi del contenzioso.



Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto