Non c’è pace per le famiglie italiane che, rientrate dalle vacanze estive, dovranno fronteggiare una delle spese più gravose, ma indispensabili, destinate ai propri figli, quella per il corredo scolastico. Dagli zainetti ai libri, dai grembiuli ai quaderni, passando per gli astucci ed i diari, la lista sembra davvero interminabile e mette a dura prova il bilancio familiare. Basti pensare che il Codacons ha già stimato una spesa maggiore rispetto allo scorso anno del +1,7%: questo significa che l’importo annuo complessivo per ogni studente sarà di oltre cinquecento euro solo per il corredo scolastico; a tale somma va, infatti, aggiunta la spesa destinata ai libri di testo.

Il totale, quindi, sarà di ben oltre i mille euro a studente, un colpo durissimo per le già fragili tasche delle famiglie italiane. Lo stesso Codacons, però, suggerisce alcuni espedienti per risparmiare addirittura il 40%; innanzitutto bisognerebbe evitare di acquistare prodotti griffati o raffiguranti i cartoni animati del momento e preferire quelli di identica qualità, ma che non siano legati a marchi famosi o personaggi super gettonati dai più piccoli.

Il Codacons suggerisce di acquistare nei supermercati preferendo i prodotti civetta

Inoltre, gli acquisti andrebbero effettuati nei supermercati e mirati verso i cosiddetti ‘prodotti civetta’, ossia tutta quella merce che viene venduta addirittura in sottocosto e funge da richiamo per le allodole, dal momento che il consumatore, acquistando quel prodotto, finisce poi per comprare anche le altre cose a prezzo di listino.

I migliori video del giorno

Il trucco è cambiare supermercato in cerca di altri prodotti civetta. Questo escamotage permette di risparmiare ben oltre il 30%. Altro consiglio è quello di non acquistare immediatamente le scorte, ma comprare ciò che occorre gradatamente, poiché spesso se si aspetta si possono ammortizzare i costi. Sì anche alle offerte di kit completi, ma con un’attenzione particolare alla qualità, soprattutto dello zaino: il Codacons suggerisce di preferire la versione trolley. E per i prodotti tecnici quali compassi e dizionari meglio aspettare le indicazioni degli insegnanti per evitare spese superflue o carenti.