Il 70,8% delle Pensioni mensili private INPS sono inferiori a 1000 euro, tuttavia solo il 44,3% rappresenta la quota di soggetti titolari di bassi redditi quali:” integrazione al minimo, maggiorazioni sociali, pensioni e assegni sociali e pensioni di invalidità civile”.

I dati rilevati dal 1°gennaio 2018

Questi i dati salienti dall’Osservatorio dell’Inps relativo alle pensioni erogate nel settore privato (vecchiaia, invalidità e superstiti) al 1 gennaio 2018:

  • Le pensioni erogate rispetto all’inizio del 2017 sono diminuite: 143.000 in meno, portando a 17,88 milioni il totale delle erogazioni del settore privato;
  • Il valore complessivo della spesa annua – 13 mensilità di importo unitario pari a gennaio – è aumentato dell’1,57% rispetto al 2017, 200,5 miliardi fra pensioni di natura previdenziale (13,97 milioni) e prestazioni assistenziali (3,9 milioni).
  • 12,88 milioni sui totali 17,88 milioni, il 70,8%, sono inferiori a 1.000 euro, tuttavia il dato non riguarda il totale trattamento in capo al singolo pensionato che può al contrario godere di più trattamenti. Di questi 70,8%, l’ 86,6% sono gli assegni pagati alle donne, facendo esclusione di quelli pagati per il settore pubblico e per lo spettacolo.
  • L’età media di uscita dal rapporto di lavoro nell’arco del 2017 è stata di 63,5 anni; 25,3% sul totale sono i prepensionamenti di uomini con 42 anni e 10 mesi di contributi, le donne 41 anni e 10 mesi, vale a dire che i prepensionamenti rispetto l’età prevista per il 2017 sono stati più della metà.

La distribuzione territoriale delle pensioni

“Al 1 gennaio 2018”, scrive l’ Osseratorio INPS, “il 48% delle pensioni viene percepito da pensionati residenti al Nord” cui è destinato il 55,1% delle somme stanziate ad inizio anno; al 19,7% percepito al Centro sono destinate il 19,7% delle medesime, mentre il 30,6% Sud e isole ha avuto il 24,6%. Il restante 2,2% rappresentante i residenti all’ estero ha avuto lo 0,6%.

La distribuzione degli importi per età media dei pensionati

L’età media dei pensionati al 1 gennaio 2018 è di 73,9 anni e il 62,2% percepiscono un importo minore di 750 euro, dato tuttavia che va riconsiderato in virtù del fatto che molti pensionati sono titolari di più pensioni o comunque percepiscono redditi aggiuntivi in quanto solo il 44,3% gode di benefici derivanti da redditi bassi quali:” integrazione al minimo, maggiorazioni sociali, pensioni e assegni sociali e pensioni di invalidità civile”.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto