Una novità che riguarda tutte le famiglie italiane è quella relativa alla chiusura del mercato della maggior tutela per quanto concerne le forniture di luce, gas e acqua nelle abitazioni. Per quanti sono abituati a ricevere la bolletta della luce, da parte di Enel Servizio Elettrico, dal 1° luglio 2019 tutto cambierà. Tutti gli utenti infatti dovranno scegliere un nuovo gestore del servizio di energia elettrica e lo stesso varrà anche per le forniture del gas per il riscaldamento.

Non perdere gli ultimi aggiornamenti Segui il Canale Tasse

La notizia inizia già ad allarmare perché come sempre di fronte ad un cambiamento piuttosto radicale come questo, i dubbi sulla convenienza o meno dell'operazione per le famiglie, risultano assolutamente fondati.

Ecco cosa cambierà davvero per le famiglie e cosa si rischia a non effettuare la scelta.

Il mercato tutelato

Il servizio di maggior tutela è il regime tariffario che viene stabilito a cadenza annuale dall'Autorità per l'Energia Elettrica, per il gas e per l’acqua. La stragrande maggioranza dei cittadini italiani (dati ufficiali dicono siano oltre i due terzi della totalità) sfrutta il servizio di maggior tutela, pagando le bollette in base alle tariffe regolamentate dall'Autorità. Il Servizio di Maggior Tutela è utilizzato dai privati per le loro utenze domestiche, ma anche da aziende o per l’illuminazione pubblica degli enti locali. La prima fase di cambiamento partita nel 2007, con l’ingresso del mercato libero in affiancamento a quello tutelato [VIDEO], ha portato poco meno di un terzo dei consumatori a scegliere già in questi ultimi anni un operatore diverso da quello del mercato a maggior tutela.

Se fino ad oggi la scelta è stata libera, come dicevamo in premessa, dal luglio 2019 passare al mercato libero sarà un obbligo.

Cosa bisogna fare?

A partire dal luglio 2019 tutti i fornitori potranno determinare liberamente i prezzi di vendita al cliente, senza sottostare ai diktat dell'Autorità. Ad oggi un confronto tra le tariffe del mercato tutelato e quelle del mercato libero non permette di determinarne la convenienza dell'uno rispetto all'altro. Questo perché i consumi variano da cliente a cliente, in base alle varie fasce orarie in cui si utilizzano i servizi. Ecco perché adesso i contribuenti sono chiamati ad iniziare a calcolare [VIDEO]quale delle svariate offerte che cominciano ad essere pubblicizzate dalle aziende, siano le più consone alle proprie esigenze. Il trasloco sarà totalmente gratuito e durante il periodo di cambio, nessuna interruzione o sospensione dei servizi è prevista. La bolletta che passa dal mercato tutelato a quello libero varierà in funzione del nuovo contratto stipulato, a partire dalla cadenza dei pagamenti e fino alle tariffe scelte dai consumatori.

I clienti in definitiva, sono chiamati a valutare bene le fasce orarie o biorarie presenti nell'offerta, a studiare nel dettaglio i loro usi quotidiani e quando nell'arco delle 24 ore utilizzano i servizi per poter valutare la fascia tariffaria da inserire nel contratto, cioè quella più adatta ai propri consumi. Va ricordato infine che la scelta è obbligata, perché sarebbe penalizzante non optare autonomamente per un nuovo gestore. Infatti, per quanti non avranno scelto per tempo il nuovo operatore di luce, gas e acqua, la normativa prevede il servizio di salvaguardia. A dispetto di della parola salvaguardia, il servizio offerto ai non optanti, prevede tariffe più elevate rispetto a quelle offerte oggi dal Servizio di Maggior Tutela.