L’ascesa del partito neonazista, Alba Dorata, è stata la grande sorpresa delle elezioni di ieri in Grecia. È diventata la terza forza politica del Parlamento greco e tutto indica che continuerà a crescere. Ha ottenuto circa il 7% dei voti e occuperà 18 seggi parlamentari.

Ma come è riuscito un partito xenofobo, radicale e nazionalista a conquistare sempre più elettori? L’arrivo in massa di rifugiati siriani e africani alle coste greche e gli alti indici di disoccupazione sono due dei fenomeni socio-economici che Alba Dorata ha saputo sfruttare politicamente. Nelle isole dove sono arrivati più migranti, Lebos y Kos, Alba Dorata è stato il partito più votato.

Il problema dell’immigrazione si è tradotto in voti per gli estremisti.

Alba Dorata non ha timore nel descriversi come un partito ultranazionalista e antisemita. Colpevolizza l’immigrazione del fatto che i greci non hanno lavoro, che la criminalità è aumentata e che non c’è più un concetto di “virtù greca". Il leader del partito, Nikolaos Michaloliakos, ha riconosciuto la “responsabilità politica” dell’organizzazione nell'assassinio del rapper di sinistra Pavlos Fyssas nel 2013.