Il presidente francese, Emmanuel Macron , farà la sua prima visita ufficiale in Cina per colloqui volti a rafforzare l'influenza globale di entrambi i paesi e a stringere legami più stretti con l'Unione europea [VIDEO]. Infatti, Pechino e Parigi stanno entrambi dipingendo la visita di Macron come un'opportunità per trasformare l'attuale partnership tra Cina e UE, in una più forte.

La visita di tre giorni, la prima del leader di una nazione dell'UE da quando Xi Jinping ha assicurato la sua presa sul potere al congresso del partito comunista in ottobre, arriva dopo una richiesta del presidente francese. Quest'ultimo, difatti, nel messaggio per annunciare il nuovo anno ha esplicitamente richiesto un'Europa più forte per "affrontare Cina e Stati Uniti" .

Macron, che sta cercando di espandere la sua influenza nel vuoto creato da Brexit e dall'elezione di Donald Trump, verrà simbolicamente ospitato da Pechino, prima di Theresa May. Questo perchè, prima del voto sulla Brexit nel Regno Unito, Pechino aveva Londra come alleato chiave all'interno dell'UE e propagandava "un'era d'oro" dei legami tra Regno Unito e Cina.

L'attenzione di Xi Jinping, spostatasi nella capitale francese, non è passata inosservata. Barthélémy Courmont, ricercatore presso l'Istituto francese per gli affari internazionali e e specialista in politica cinese, ha così dichiarato: "È chiaro che, nelle menti cinesi, la Francia rappresenti politicamente l'Europa". Egli ha poi continuato dicendo: "La Cina considera la Germania un partner economico in Europa e la Francia una difesa e un partner diplomatico.

Prima della [Brexit] la Cina considerava la Gran Bretagna il suo principale interlocutore in Europa , ma ora il Regno Unito ha meno interesse ".

Come potenze nucleari e membri detentori del veto del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite [VIDEO], Francia e Cina hanno molte cose da dire su come includere la Siria, il conflitto israelo-palestinese, la Corea del Nord e il cambiamento climatico.

Geng Shuang, portavoce del ministero degli Esteri cinese, ha detto oggi che le due parti avranno uno scambio di "approfondimenti sulle relazioni tra Cina e Francia e questioni di comune interesse", portando "la stretta e duratura partnership strategica globale tra a nuove altezze ".

Nello specifico, si tratterà di "rafforzare la cooperazione, sostenere il multilateralismo, far progredire il multi-polarismo, costruire un'economia mondiale aperta, migliorare la governance globale, far fronte congiuntamente alle sfide globali e costruire un nuovo tipo di relazioni internazionali e una comunità con un futuro condiviso per l'umanità ".

Tuttavia, Alice Ekman, capo della ricerca cinese presso l' Istituto francese per le relazioni internazionali , ha sottolineato la diversa concezione di multilateralismo, posseduta dai due paesi. "Hanno visioni e ambizioni molto diverse in questi campi", ha detto Ekman. "Sotto Xi Jinping , la Cina mira a promuovere nel mondo un nuovo modello di sviluppo e governance allineato a quello che la Cina ha messo in atto a casa fino ad ora - quindi un modello molto diverso da quello delle democrazie liberali ".

Courmont, sulla stessa linea di pensiero, crede che Macron non arginerà la sua preoccupazione riguardo alla tutela dei diritti umani di Pechino, ma è improbabile che la Cina ascolti.