Un anno dopo che il presidente Donald Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall'accordo nucleare iraniano, l'Iran ha avvertito i rimanenti firmatari del patto che smetterebbe di attuare parti dell'accordo se non miglioreranno la cooperazione economica con il paese.

La posizione del presidente Trump

Mentre il presidente degli Stati Uniti Donald Trump si prepara a ritirarsi dal piano d'azione globale congiunto (JCPOA) - conosciuto nel mondo di Trump come "il pessimo accordo di Obama con l'Iran" - Mosca, sorprendentemente, si è trovata su quello che potrebbe essere chiamato il lato giusto della storia.

Pubblicità
Pubblicità

Insieme all'Europa, alla Cina e all'Agenzia internazionale per l'energia atomica (AIEA), la Russia sostiene pienamente la continua attuazione del JCPOA.

In effetti, l'amministrazione Trump finora non è riuscita a offrire un argomento convincente per spiegare perché l'accordo nucleare con l'Iran dovrebbe essere demolito. A tutti gli effetti, l'accordo ha bloccato i percorsi immediati dell'Iran verso la bomba nucleare con un rigoroso regime di verifica.

Pubblicità

A parte l'antipatia personale di Trump per l'eredità di Barack Obama, gli Stati Uniti non hanno nulla da guadagnare allontanandosi dal JCPOA. In effetti, non vi è alcuna vittoria degli Stati Uniti, ma solo un aumento del numero di perdite internazionali. Per Mosca, la critica dell'amministrazione Trump sull'accordo con l'Iran è incomprensibile e pura follia.

La comunità di intelligence degli Stati Uniti insieme alla IAEA afferma che l'Iran sta rispettando i termini dell'accordo e dal 2004 non ha intrapreso alcun lavoro sulla costruzione di un'arma nucleare.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Politica

Tutto ciò è stato confermato la scorsa settimana dal primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu quando ha svelato degli archivi nucleari segreti iraniani in una presentazione di PowerPoint.

Mosca si schiera con la Cina e l'UE

Naturalmente, il JCPOA non mirava a smantellare interamente il programma nucleare iraniano, ma solo a mantenerlo entro i limiti pacifici dichiarati. Questa era la natura del compromesso dietro l'accordo.

L'Iran ha aderito come firmatario del Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, il che significa che è obbligato a non sviluppare o acquisire armi nucleari, ma ha il diritto di possedere l'energia nucleare in modo pacifico.

In questo contesto Mosca si è strettamente allineata con la Cina e l'UE nell'opporsi alle mosse degli Stati Uniti contro il JCPOA, con il presidente Putin che lavora per coordinare la Politica con il presidente della Francia, Emmanuel Macron e la cancelliera tedesca Angela Merkel.

Pubblicità

L'accordo nucleare iraniano fornisce una rara area di accordo tra la Russia e parte dell'occidente.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto