La discussione alla Camera sull'approvazione della riforma Scuola 2015 di Renzi si è bloccata sull'articolo 8, uno di quelli più delicati in quanto sancisce il ruolo dei Dirigenti Scolastici nella nuova scuola: le proteste e la mobilitazione erano soprattutto su questo punto, i sindacati infatti accusavano un eccesso di potere per i presidi che avrebbero avuto la facoltà di scegliere il personale dagli albi territoriali. Intanto, il rinvio a lunedì 18 maggio della discussione ha permesso ai sindacati di pensare alle contromosse.

La riforma della scuola può essere ancora bloccata e sono arrivate le chiamate per la mobilitazione del 18/19/20 maggio, in occasione delle ultime giornate in cui si discuterà e approverà in Parlamento il ddl e per il 7 giugno, in vista del blocco degli scrutini.

La mobilitazione contro la riforma scuola 2015 di Renzi, le date e le news al 16 maggio

I sindacati chiamano a raccolta quello che è stato definito il "popolo della scuola pubblica" per una mobilitazione di tre giorni, il 18, il 19 e il 20 maggio, in occasione del voto alla Camera del ddl sulla riforma scuola 2015 di Renzi.

Si tratta, per tre giorni, di organizzare sit-in a Montecitorio per cercare di bloccare il processo parlamentare e per organizzare le eventuali contromosse in vista del blocco degli scrutini. È di ieri la notizia che il Garante sugli Scioperi, Alesse, ha parlato di "precettazione", dunque obbligare i docenti a portare avanti il normale svolgimento delle attività scolastiche.

I Cobas sottolineano che i primi due giorni degli scrutini è possibile normativamente non partecipare e questo sarebbe un segnale veramente importante da dare al governo Renzi.

Le precettazioni, poi, devono essere chiamate dai Prefetti e non dal Garante e, soprattutto, la sanzione sarebbe pecunaria e non l'obbligo di svolgere le attività di scrutinio. La riforma scuola 2015 non piace al mondo della scuola e la battaglia diviene una battaglia di democrazia e libertà.

Manifestazione 7 giugno contro la riforma scuola 2015 di Renzi, chiamata Cobas e news 16-05

I Cobas hanno indetto anche un'altra giornata importante di mobilitazione contro la riforma scuola 2015 di Renzi.

Il sindacato di base ha chiesto una giornata unificata a tutti gli altri sindacati confederali e di categoria: domenica 7 giugno, questa è l'idea, le piazze d'Italia dovrebbero essere attraversate da cortei di massa per mostrare a Renzi qual è la vera forza del "popolo della scuola pubblica" contro la riforma. Il ministro Giannini è intervenuto in queste ultime ore a sottolineare come non vi sia unità nel mondo sindacale proprio sulla questione del blocco degli scrutini. I Cobas cercano infatti di costruire questa unità e la piattaforma tra operatori della scuola e sindacati si aprirà proprio durante le giornate di mobilitazione del 18/19/20 maggio.



È tutto con le ultime news sulla mobilitazione contro la riforma scuola 2015. Per ricevere aggiornamenti sulla questione, cliccate su "Segui" in alto sopra il titolo dell'articolo.
Segui la nostra pagina Facebook!