Giungono in queste ore le ultime notizie che mettono in evidenza come si continua a discutere sulla riforma del sistema previdenziale. Sono state molto le reazioni dovute alla presentazione del pacchetto di proposte da parte del presidente dell'Istituto Nazionale della Previdenza Sociale, Tito Boeri, il quale nel documento presentato non ha tenuto conto della moltitudine di proposte depositate in Parlamento relativamente all'applicazione di sistemi flessibili per abbassare l'età pensionabile di tutti i lavoratori: Quota 100, uscita dal lavoro con 62 anni e 35 anni di contributi con penalizzazione e mini pensione, sono solo alcuni esempi presentati da diversi politici come Pd, Lega, M5S e Forza Italia.

Pubblicità
Pubblicità

Nessuna legge a favore dei lavoratori precoci e usuranti

Di contro, sono state davvero poche le proposte di legge per i lavoratori precoci e quelli usuranti, assoggettati all'attuale legge previdenziale in vigore. Fino a qualche mese fa, come evidenziato dal sito internet pensionioggi.it, queste due categorie di lavoratori sembravano essere al centro dell'attenzione del Governo Renzi che, ad un certo punto sembrava vicino ad una normativa che potesse accontentare tutti. Basti ricordare che, prima dell'approvazione della legge Fornero, queste persone erano tutelate dalle norme in vigore. Successivamente, c'è stata una sorta di appiattimento verso i requisiti pensionistici tuttora in vigore per tutti.

La situazione di questi lavoratori è stata rimandata a data da destinarsi

Diversi partiti politici, nei mesi scorsi, si sono battuti per i precoci e gli usuranti, come ha fatto Giuliano Poletti, ministro del Lavoro, il quale aveva garantito che, in caso di riforma pensionistica, si sarebbe partiti proprio da queste categorie di lavoratori, ma questo non è avvenuto. Molto probabilmente, come sta avvenendo con i Quota 96, queste problematiche saranno rimandate a data da destinarsi, non prima dell'approvazione della Legge di Stabilità 2016. Vedremo nei prossimi mesi come il governo Renzi affronterà la situazione e risolverà la problematica relativa alla riforma del sistema pensionistico.
Leggi tutto