Se stai cercando informazioni sulla Riforma scolastica e news inerenti, ecco quello che fa per te. Non finiscono le brutte notizie e soprattutto le sorprese per i precari della "Buona" scuola di Renzi, infatti proprio due giorni fa, 2 Luglio, è stata approvata dalla Commissione Affari della Camera un emendamento del Ddl che ha come oggetto l'accesso ai concorsi nella Scuola. Secondo questo nuovo emendamento non solo potranno accedere ai concorsi solo i laureati , ma aprite bene le orecchie, avrà un valore aggiunto l'ateneo che ha rilasciato il titolo.

Pubblicità

Questa la grande novità della nuovo riforma scolastica, che certamente creerà una agguerrita competizione non solo tra gli atenei ma anche tra gli studenti. Sarebbero eventualmente utilizzate le tabelle di valutazione prodotte dall'Anvur ( Agenzia Nazionale di Valutazione del Sistema Universitario della Ricerca) che sembrano già essere aspramente criticate.

Pasticcio Riforma Scolastica: nuovo ddl antidemocratico

Questa riforma scolastica continua a scontentare un po' tutti. L'eventualità che un laureato possa essere giudicato non dalla sua preparazione, ma dall'appartenenza ad un Ateneo che non fa parte della classifica delle Top 10 prodotta dall'Anvur, fa arrabbiare un po' tutti, in primis perché attraverso questa norma verrebbero meno quelli che sono i diritti allo studio di tutti,soprattutto di tutti quei ragazzi che non possono permettersi Atenei prestigiosi a causa delle esose tasse annuali universitarie che richiedono.

Accedere ad un concorso con questi requisiti potrebbe creare troppo disparità tra Nord e Sud ed ulteriore gerarchizzazione del sistema universitario. Un ulteriore limitazione potrebbe essere anche la media ottenuta durante il corso di laurea. Da Napoli ieri sono partite 20mila lettere dirette al Presidente Mattarella per bloccare questo emendamento, decisamente negativo per gli atenei del sud, visto che al momento la tabella Anvur privilegia in maniera inequivocabile le università del settentrione.

Pubblicità

Intanto regna sempre più il caos. Allo stato di queste nuove notizie ci risulta sempre più complicato capire come candidarsi con nuovi concorsi e quant'altro, i commenti più aspri dei diretti interessati sul web fanno sottolineare che oltre al pasticcio legislativo questa norma è anche antidemocratica. Vedremo se in seguito ci saranno sviluppi chiarificatori sulla vicenda, a tal proposito vi invitiamo a cliccare sul tasto segui poco sopra il titolo dell'articolo.