I cambiamenti che la nuova riforma Scuola contenuta nel Ddl appena approvato alla Camera sono tantissimi e molti riguardano proprio la categoria dei docenti. Per loro sta per arrivare una vera rivoluzione. A parte le novità circa le immissioni in ruolo, restano quelle che riguardano la chiamata diretta da parte del dirigente, l'auto-candidatura, la formazione e molto altro ancora. In questo articolo ci concentreremo su quelle principali.

DDL scuola, cosa cambia per i docenti

Dopo aver parlato del monte ore, del POF e degli ambiti territoriali, ci occupiamo di cosa cambia per i docenti in quanto alla chiamata diretta. Adesso che il DDL scuola sarà per certo legge, il dirigente scolastico ha il potere di decidere quali docenti assumere nella 'sua' scuola e quali no (i parenti sono esclusi, ma gli amici?). Ogni insegnante ha la possibilità di auto-candidarsi, ma la scelta di conferire l'incarico triennale resterà del preside. Questo procedimento nuovo sarà avviato solo nell'anno scolastico 2016/17.  La proposta del dirigente potrà anche riguardare classi diverse da quella per cui si è abilitati, ma solo nei casi in cui nell'ambito territoriale non sono disponibili altri insegnanti abilitati in quelle classi. L'incarico sarà triennale e rinnovabile, a meno che il rinnovo del POF non preveda cambiamenti. L'insegnante può accettare la proposta e ottenere l'incarico, o scegliere fra più proposte quella che preferisce. L'USR assegnerà gli incarichi ai docenti che non ricevono proposte. In media dovrebbero arrivare circa 7 insegnanti in più in ogni scuola.

Valutazione e formazione docenti

Ogni docente concorre ad un premio (per cui sono stanziati in tutto 200 milioni l'anno) che viene conferito in base alla valutazione del dirigente scolastico e del Comitato per la Valutazione. Oltre a questo avrà a disposizione 500 euro ogni anno da spendere in formazione personale.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Scuola

Questa include testi, software, corsi e così via. Vengono inoltre stanziati 40 milioni di euro per la formazione mentre prestano servizio. Si formerà anche lo staff del preside, che potrà includere fino al 10% dei docenti.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto