C'era da aspettarsi un clima infuocato dopo la proposta del presidente dell'INPS Boeri sulla riforma sistema pensionistico e le reazioni non si sono fatte attendere. Tra le ultime novità di oggi 11 luglio sulle Pensioni spiccano le dichiarazioni dei sindacati che sono tornati a farsi sentire e a manifestare il loro dissenso verso il regime contributivo e ribadendo la necessità per i lavoratori precoci di poter uscire grazie al sistema di quote (come la quota 41) contenuto nel ddl di Damiano.

Pubblicità
Pubblicità

41 anni di contributi senza limiti di età e senza penalizzazioni insomma, un giusto compromesso tra la legge attuale e la vecchia in uso prima della Legge Fornero che consentiva di uscire a 40 di contributi.

Pensioni oggi 11 luglio su lavoratori precoci: parla Lamonica (CGIL) e chiede quota 41

I sindacati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil, si riuniranno lunedì 13 luglio per proseguire con una linea comune, e il giorno seguente scenderanno in piazza a Roma per manifestare contro la questione dei rimborsi pensionistici e più in generale per contestare il sistema pensionistico.

Non perdere le ultime notizie!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa di più oppure scopri qui tutti i Canali. Ti terremo aggiornato sulle novità che non puoi perderti!
Pensioni

Intanto la segretaria confederale della CGIL, Vera Lamonica, ha parlato in Radio ribadendo ancora una volta la volontà di parlare con il Governo, per capire come mettere mano alla flessibilità in uscita. Lamonica ha poi toccato il delicato tema delle pensioni per i lavoratori precoci: "Bisogna mettere un tetto e consentire di andare in pensione quando si raggiunge una certa età di contributi, pensiamo che non si debba salire sopra i 41 anni in nessun caso".

Pubblicità

Il segretario ha poi concluso parlando di pensioni di vecchiaia: "Serve flessibilità, partendo almeno dai 62 anni, che però non comporti ulteriori penalizzazioni".

Ultime news Pensioni oggi: Landini contro Monti e la riforma Fornero: "Ripristinare le pensioni di vecchiaia"

Anche il segretario della Fiom, Maurizio Landini, ha espresso il suo parere negativo sulla attuale legge Fornero, usando espressioni forti e colorite, come è nella sua natura: Per riformare il sistema pensionistico italiano bisogna migliorare le porcherie fatte dal governo Monti". Giudizio netto che prosegue poi mostrando disappunto per le proposte di Boeri: Occorre prima di tutto abbassare l'età pensionabile dal momento che il nostro paese è quello che l'ha più alta. Se oggi la disoccupazione giovanile è aumentataè perché è aumentata l'età pensionabile. Bisogna ripristinare pensioni di anzianità e pensare a una riforma vera che sia in grado di superare un sistema puramente contributivo". Voi cosa ne pensate delle dichiarazioni dei sindacati di oggi? E della questione dei lavoratori precoci? Fatevi sentire nei commenti qui sotto e diteci il vostro parere! Se volete aggiornamenti e ultime news sulle pensioni, vi ricordiamo che potete cliccare segui in alto sopra il titolo!
Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto