Era stato il premier Renzi, nell'autunno 2014 a illudere per primo tante famiglie con l'dea di unbonus bebè non più una tantum, come talvolta assegnato in passato, ma strutturale. Un bonus che dopo lunghe discussioni, verifiche, silenzi, è finalmente realtà.

Il progetto

L'idea è molto interessante, ed atta a sostenere concretamente le famiglie. Si tratta di un bonus mensile di 80€ da erogarealle mamme che abbiano avuto un bimbo a partire da gennaio 2015, e che spetta fino ai tre anni del bimbo.

La domanda va presentata all'Inps che, verificati i requisiti, provvede ai pagamenti. Tra gli unici esclusi i nuclei familiari con ISEE superiore ai 25.000€ (inizialmente, tra le polemiche, si prevedeva un reddito massimo del nucleo di 90.000€ giudicato successivamente troppo esoso per le casse statali). Addirittura gli 80€ raddoppiano in caso di ISEE inferiore a 7.000€.

La domanda può essere presentata autonomamente tramite la propria pagina personale sul sito dell'Inps o attraverso commercialisti e CAF.

L'attesa

Nella fretta di promettere subito un bonus ad un'ampia fascia della popolazione, si è prodotta in questi mesiuna lunga attesa, prima delle regole esatte di assegnazione e delle fasce di reddito di appartenenza degli aventi diritto, sconosciuteper mesi da aventi diritto ed operatori del settore, e successivamente dei pagamenti, slittati ad agosto, ovvero benotto mesi dopo l'inizio della maturazione del diritto al bonus.

Non perdere le ultime news!
Clicca sotto sull’argomento che ti interessa. Ti terremo aggiornato con tutto quello che non puoi perdere.
Pensioni Matteo Renzi

I pagamenti

E finalmente ad agosto sono arrivatii bonifici relativi a parte degli arretrati, delle mensilità da gennaio a giugno, per complessivi 480€ per coloro i cui bimbi siano nati già a gennaio. A regime l'INPS promette che i pagamenti successivi avverranno all'inizio del mese, rimane da vedere se si arriverà alla regolarità degli stessi ma, a parte il ritardo, l'iniziativa è realmente interessante e concreta.

Iniziativa che, a meno di ulteriori rettifiche, dovrebbe essere strutturale, destinata quindi a interessare anche le future mamme. Malcontento, quindi, solo per le mamme "2014" che non hanno potuto avere accesso al bonus magari solo per pochi giorni.

Segui la nostra pagina Facebook!
Leggi tutto