Ci sono ancora molti dubbi riguardo il bonus di €500 erogato dal Governo Renzi a favore degli insegnanti. Ricordiamo che il bonus è riservato agli insegnanti statali per l’autoformazione. Alcuni aspetti sono però talmente generici che hanno causato numerose domande e perplessità.

Con il bonus è possibile acquistare attrezzature hardware e software

Ad esempio, con il bonus si possono acquistare attrezzature hardware e software, ma cosa si intende per “Spesa di hardware e software”? Si possono acquistare ad esempio gli smartphone?

Un noto quotidiano scolastico ha chiesto al Ministero della Pubblica istruzione di prendere in esame casistiche come l'abbonamento a piattaforme online con chiaro intento nell'utilizzo didattico (come ad esempio Prezi o Edmodo). È stato constatato, infatti, che questo caso non è compreso nella casistica presente nella legge.Un altro punto interrogativo riguarda il canone Rai. Molti insegnanti, infatti, seguono i canali della Rai perché eroga una serie di servizi che possono e sono utilizzati dai docenti per l'autoaggiornamento e la didattica.

Qualche esempio? Rai Scuola o Rai Storia, solo per citare due canali palesemente legati al mondo scolastico. Ma potrebbero segnalare anche altri come Rai Movie, che potrebbe essere paragonato al biglietto acquistato al cinema e previsto dalla legge che ha assegnato il bonus di €500. Allo stesso modo potrebbero rientrare anche le PayTv che trasmettono programmi inerenti l’autoaggiornamento, spettacoli teatrali televisivi o film dedicati alla formazione, che potrebbero essere equiparati ad uno spettacolo cinematografico o teatrale indicati nella legge.

È possibile comprare smartphone e pagare il canone RAI?

Leggendo bene la legge, far rientrare il canone Rai e le PayTv sembrerebbe una vera e propria forzatura perché sembrano non rientrare all’interno dell’acquisto di questi servizi. D’altra parte, però, la legge potrebbe essere interpretata in modo più ampia considerando le casistiche limite: si attende, a questo punto, un raffronto da parte del Ministro.

Segui la pagina Scuola
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!