Arrivano interessanti novità dal mondo politico per quello che concerne l'agognata riforma del sistema pensionistico italiano. È notizia di poche ore fà che il Presidente della Commissione Lavoro alla Camera, Cesare Damiano, promette di valutare con attenzione la normativa contenuta nel testo della legge di stabilità, concernente la delicata riforma delle Pensioni ed eventualmente procedere per apportare significative modifiche al testo. Questo qualora il suddetto testo non fosse del tutto soddisfacente per quelle che sono le esigenze per cui è stato pensato.

In particolare desta preoccupazione e perplessità la questione relativa alla settima salvaguardia degli esodati, che non pare capace di soddisfare i quasi 50 mila interessati.

Molte le questioni da approfondire

Altro aspetto che Damiano vuole approfondire è quello relativo alla questione del requisito anagrafico per quanto concerne la proroga della cosiddetta 'Opzione Donna'. Si tratta di un problema che già era sorta anche negli scorsi anni e che fino ad ora non ha trovato soluzione. Quello che bisogna evitare secondo Damiano e che possano rimanere escluse le nate nell'ultimo trimestre del 1958 o del 1957.

Il Presidente della Commissione Lavoro, presso la Camera dei Deputati, chiede anche che nella legge di stabilità, che presto verrà approvata, trovi spazio anche una sorta di sperimentazione della flessibilità previdenziale.

Gli interventi di Salvini e Morando sulla questione

Nelle ultime ore occorre registrare anche le prese di posizione che nel mondo della politica arrivano dal leader della Lega Nord Matteo Salvini e dal Viceministro dell'Economia Morando.

Il primo, ieri sera nel corso della trasmissione di Italia uno 'Open Space', ha dichiarato che occorre procedere alla svelta con la riforma cancellando al più presto la riforma Fornero che ha causato non pochi problemi ai cittadini. Morando invece ha affermato ad 'Affaritaliani.it', che per quello che riguarda l'introduzione in maniera organizza della flessibilità previdenziale se ne parlerà forse nel corso del 2016.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!