Ecco le ultime novità sulla delicata questione concernente la riforma delle Pensioni del nostro paese. Una riforma che nonostante appaia ai più come necessaria tarda ad arrivare in quanto la politica fatica a trovare una soluzione che possa soddisfare tutti. Nonostante ciò ilgoverno guidatodaMatteo Renzi pare intenzionato ad apportare alcuni cambiamenti al sistema pensionistico del nostro paese con la prossima legge di Stabilità. Le novità in questione dovrebbero riguarda opzione donna, il part time e la spinosa questione degli esodati.

La decisione del Premier di intervenire solo su questi aspetti ha però causato lo sfogo del numero uno dell'Inps Tito Boeri, che ha bollato gli interventi dell'esecutivo come un qualcosa di selettivo, parziale e che crea delle asimmetrie nel sistema pensionistico italiano.

Boeri invoca intervento strutturale e organico

Per il Presidente dell'Inps Tito Boeri, che evidentemente boccia le ultime decisioni del governo in materia,occorrerebbe invece un intervento organico e strutturale.Per quanto riguarda i singoli interventi che arriveranno con la finanziaria, secondo il Ministro del Lavoro la settima salvaguardia degli Esodati riguarderà circa 32 mila persone, rimaste senza stipendio e pensione dalla riforma Fornero nel 2011.

Per quanto riguarda il part time, sono in molti a temere che la normativa messa in atto dall'esecutivo possa rivelarsi un flop. Questo in quanto per le aziende i costi sono gli stessi della situazione attuale.

Dubbi anche sulla convenienza di opzione donna

La nuova legge di stabilità dovrebbe anche conferma l'opzione donna per il 2015. Questo riguarderà le lavoratrici che compiono 57 anni e tre mesi entro il 31 dicembre di quest'anno e hanno versato 35 anni di contributi.

In questo caso possono andare in pensione evitando lo 'scalone' previsto per loro dalla Fornero. Questo però ad un costo molto elevato pari al 30/50% in meno sull'assegno previdenziale. Anche qui ci sono molti dubbi da parte delle associazioni di categoria sulla convenienza di optare per questa soluzione che, comunque, è opzionale.

Segui la pagina Pensioni
Segui
Segui la pagina Matteo Renzi
Segui
Segui la nostra pagina Facebook!